Indagine Post Mortem/Introduzione: differenze tra le versioni

testo
(testo)
 
=== Introdurre le difficoltà che assillano il dibattito contemporaneo ===
N. T. Wright sostiene anche che la resurrezione sia la spiegazione più probabile per i fatti della tomba vuota e delle apparizioni ''post-mortem''. Tuttavia, molti scettici rimangono persuasi dall'inadeguata gestione da parte di Wright delle ipotesi naturalistiche. Questi scettici affermano di poter pensare a molte alternative naturalistiche alla resurrezione, e sembra loro impossibile assicurare che tutte queste alternative siano state considerate ed escluse prima di arrivare alla conclusione di una risurrezione. Come osserva Dale Allison:
{{q|Wright’s attempt... to dismiss naturalistic hypotheses is too brief for my tastes, although more pages would still fall short; one just cannot decisively eliminate all the unorthodox alternatives.|Allison 2005a, p. 347, n. 583<ref>Tra le "alternative non ortodosse" che suggerisce sono che il corpo di Gesù sia stato rubato e che i discepoli abbiano avuto allucinazioni.</ref>}}
Argomenti simili sono stati fatti anche nei dibattiti sulla risurrezione di Gesù. Ad esempio, nel suo scambio con Craig, Ehrman afferma di poter "immaginare" 20 alternative naturalistiche riguardanti la tomba vuota (Craig e Ehrman 2006, p. 13). [[w:Gary Habermas|Habermas]] osserva che c'è una rinascita di interesse per le ipotesi naturalistiche negli ultimi anni, osservando che "gli ultimi due decenni hanno prodotto più di quaranta suggerimenti a favore di una dozzina di scenari alternativi diversi per spiegare il resoconto del Nuovo Testamento secondo cui Gesù fu risuscitato dai morti" (Habermas 2001a, pp. 179–196). Altri storici affermano che la risurrezione "non è una questione che gli storici possono autenticare" (MacCulloch 2010, p. 93) e insistono sul fatto che deve essere affrontata come un articolo di fede riguardante il mistero di Dio (Carnley 2019). Allora Ehrman nota:
{{q|Historians, of course, have no difficulty whatsoever speaking about the belief in Jesus’ resurrection, since this is a matter of public record. For it is a historical fact that some of Jesus’ followers came to believe that he
had been raised from the dead soon after his execution.|Ehrman 1999, p. 231}}
Tuttavia, la fede dei discepoli nella risurrezione di Gesù è una questione, se sia successa è un'altra, e ciò che la spiega (se successe) è un'altra ancora. Si suppone che la resurrezione implichi una causa soprannaturale se accadde, ma molti storici ritengono che uno studio della causalità del regno soprannaturale o spirituale appartenga alla disciplina della teologia piuttosto che alla storia (Webb 2011, pp. 78-79). Molti storici aderirebbero a una forma di "naturalismo metodologico", che intende la storia "come descrizione e spiegazione di causa ed effetto degli eventi umani all'interno della sola sfera naturale, senza fare affermazioni ontologiche al di là della sfera naturale" (Webb 2011, p. 79 ). La difficoltà riguarda se sia in linea di principio possibile per gli storici ragionare da certi fatti storici e arrivare alla risurrezione di Gesù.
 
Inoltre, la questione del pregiudizio evidenziata da [[w:Martin Kähler|Martin Kähler]] alla fine del diciannovesimo secolo presenta una sfida, sottolineata dai pensatori postmoderni contemporanei. Kähler sostiene che, a differenza di altre figure del passato, Gesù ha esercitato in ogni epoca un'influenza troppo potente su tutti i tipi di persone e continua a rivendicare tale influenza in maniara troppo forte su tutti. Pertanto, non possiamo avere un resoconto storico imparziale di lui o uno storico imparziale che valuti l'evento, e quindi il progetto storico-critico è completamente contaminato (Kähler 1892/1964, pp. 92-95).
== L'approccio di questo libro ==
 
In sintesi, il dibattito contemporaneo sull'origine della credenza nella risurrezione di Gesù è ostacolato dalle difficoltà legate a ('''1''') l'eliminazione di tutte le "alternative non ortodosse" (frase di Allison), ('''2''') se sia in linea di principio possibile per gli storici ragionare da alcuni fatti storici e arrivare alla risurrezione di Gesù, e ('''3''') la questione del pregiudizio.
 
== L'approccio di questo libro ==
=== Eliminazione delle alternative ===
In questo libro userò un approccio transdisciplinare che affronti le difficoltà sopra menzionate.
 
 
 
 
=== Sulla questione se sia possibile per gli storici arrivare da alcuni fatti storici alla risurrezione di Gesù ===
<div style="height: 200px; overflow: auto; padding: 3px; border:1px solid #AAAAAA; reflist4" > <references/> </div>
 
{{Avanzamento|75%|1213 ottobre 2021}}
[[Categoria:Indagine Post Mortem|Introduzione]]
13 066

contributi