Indagine Post Mortem/Introduzione: differenze tra le versioni

 
== Fonti storiche rilevanti e concetti importanti ==
 
=== Fonti cristiane e non ===
Per quanto riguarda le fonti storiche rilevanti, l'idea erronea – diffusa nel ''[[w:Il codice da Vinci|Codice da Vinci]]'' di [[w:Dan Brown|Dan Brown]] – che i documenti del Nuovo Testamento che leggiamo oggi siano significativamente diversi da quelli del primo secolo è stata a lungo sfatata dagli studiosi. [[:en:w:Michael R. Licona|Licona]] (2016, pp. 7-8) osserva: "The wealth of manuscripts for the New Testament literature leaves us very few places where uncertainty remains pertaining to the earliest reading or at least the meaning behind it." (L'obiezione di Shapiro [2016, p. 135] che i resoconti della risurrezione di Gesù potrebbero essere stati aggiunti nei Vangeli nei secoli successivi è confutata da queste prove manoscritte.) Licona osserva:
{{q|The manuscript support for our present critical Greek text of the New Testament is superior to what we have for any of the ancient literature. As of the time I am writing this chapter, there are 5,839 Greek manuscripts of the New Testament. A dozen or so of these manuscripts have been dated to have been written within 150 years of the originals, and the earliest (P 52) has been dated to within ten to sixty years of the original. In contrast, of the nine Lives of Plutarch... only a few dozen Greek manuscripts have survived. The earliest of these is dated to the
tenth or eleventh century, or roughly eight to nine hundred years after Plutarch wrote them.|''ibid.'' — Licona poi continua aggiungendo un commento di D.A. Russell:<br/>"the ''[[w:Vite parallele|Lives of Plutarch]]'' have been the main source
of understanding<br/>of the ancient world for many readers from the Renaissance to the present day"}}
Vari resoconti di Gesù e dei primi cristiani si trovano anche al di fuori del Nuovo Testamento (Van Voorst 2000), come negli scritti gnostici (Franzmann 1996), negli scritti arabi (Khalidi 2001), nel [[w:Talmud|Talmud]] ebraico (Schäfer 2007), nelle opere di altri antichi studiosi non cristiani come [[w:Flavio Giuseppe|Flavio Giuseppe]], [[w:Publio Cornelio Tacito|Tacito]], [[w:Luciano di Samosata|Luciano]], [[w:Celso (filosofo)|Celso]] e [[w:Flegonte di Tralles|Flegonte]] (si veda più avanti in questa sezione), e altri scritti paleocristiani risalenti al "periodo della memoria vivente", cioè il periodo dal primo all'inizio del secondo secolo all'interno del quale erano ancora in vita persone che avrebbero potuto conoscere uno degli apostoli viventi (Bockmuehl 2007). Tuttavia, i resoconti negli scritti arabi e nel Talmud ebraico sono successivi e dovrebbero essere trattati con grande cautela. Inoltre, i contenuti degli "altri Vangeli" come i [[w:Vangeli gnostici|Vangeli Gnostici]] e il [[Vangelo di Tommaso]] indicano che i loro autori fecero uso di tradizioni precedenti che possono essere trovate nei Quattro Vangeli e le modificarono secondo la loro filosofia religiosa (Gathercole 2015). Questi "altri Vangeli" riflettono una certa distanza cronologica e culturale dal Gesù storico della Palestina del I secolo e furono probabilmente composti a partire dal II secolo (''ibid.''). Molti studiosi hanno dimostrato in modo convincente che questi Vangeli Gnostici sono storicamente meno affidabili dei precedenti Quattro Vangeli (Jenkins 2001; Hill 2010). Mentre i Quattro Vangeli sono comunemente datati tra il 70-100 p.e.v. (Brown 1997), si è sostenuto che Marco e Luca siano stati scritti prima, prima della distruzione di Gerusalemme nel 70 e.v. (Carson e Moo 2005). Molti studiosi pensano che Matteo e Luca abbiano usato Marco come loro fonte, insieme ad almeno un'altra fonte. È anche possibile che ci siano state più recensioni dei Vangeli (come risultato di più bozze o redazioni autoriali per adattarsi a diversi destinatari), in modo tale che Luca (ad esempio) potrebbe aver usato una recensione precedente o successiva di Marco rispetto a quella posseduta di Matteo (Licona 2016, p. 116).
 
La crocifissione di Gesù è attestata da numerose fonti antiche, sia cristiane che non. Al di fuori di numerosi riferimenti nel Nuovo Testamento, è menzionato in molti scritti paleocristiani e scritti non-cristiani come ''[[w:Antichità giudaiche|Antichità giudaiche]]'' di Flavio Giuseppe 18.3,<ref>Mentre alcuni studiosi sospettano che i cristiani possano aver distorto parti del riferimento di Flavio Giuseppe a Gesù nel ''[[w:Testimonium Flavianum|Testimonium Flavianum]]'', la stragrande maggioranza degli studiosi considera autentici i riferimenti a Gesù come fratello di Giacomo, Gesù come taumaturgo nonché la sua crocifissione. Per una discussione equilibrata delle ragioni pro e contro l'autenticità, si vedano Paget (2001); Meier (1991-2016, Vol. 1, pp. 56-88).</ref> "la pena più estrema" di Tacito, in ''[[w:Annales (Tacito)|Annales]]'' 15.44,<ref>Questo riferimento in Tacito è molto probabilmente autentico, poiché lo stile latino è di Tacito, il tono è anticristiano e tutti i manoscritti di Tacito hanno questo brano (Meier 1991–2016, Vol. 1, pp. 90–91).</ref> e ''[[w:Peregrino Proteo|De Morte Peregrini]]'' 11, di Luciano. Oltre alle lettere di [[w:Paolo di Tarso|Paolo]], altri documenti del I e ​​dell'inizio del II secolo, come i Quattro Vangeli, Atti, 1 Clemente, Lettere di Ignazio, ecc., affermavano anche che varie persone furono testimoni del Gesù risorto. Come notato in precedenza, alcune di queste affermazioni furono discusse da Celso, un filosofo non cristiano che scrisse un attacco al cristianesimo intitolato ''[[w:Celso (filosofo)#Il Discorso vero|La vera parola]]'' nel c. 177-180 e.v., la maggior parte del quale è stato conservato nella confutazione di [[w:Origene|Origene]] scritta nel 248 e.v. (Marcovich 2001, p. 14; l'attacco di Celso ai Vangeli indica che non li accettò acriticamente). Un precedente riferimento non cristiano (c. 140 e.v.) è stato fatto dallo storico greco Flegonte nelle sue "Cronache", anch'esse conservate nella suddetta confutazione di Origene (''Contra Celsum'', 2.59). Dichiara: "Gesù, mentre era in vita non fu di nessun aiuto a se stesso, ma che risuscitò dopo la morte, e mostrò i segni della sua punizione, e mostrò come le sue mani erano state trafitte da chiodi." È improbabile che Origene abbia fabbricato ciò che Flegonte scrisse, dato che sarebbe stato facile per i suoi lettori scoprirlo, e dato l'imbarazzo della frase che Gesù fosse stato "di nessun aiuto a se stesso" mentre era in vita.
 
=== Perché non esistono più fonti non cristiane? ===
 
=== Introdurre le difficoltà che assillano il dibattito contemporaneo ===
 
 
== L'approccio di questo libro ==
13 192

contributi