Differenze tra le versioni di "Il Museion di Bolzano/Archivio di Nuova Scrittura"

m
corretto errore di battitura
m (Bot: aggiunge sommario alle pagine del libro)
m (corretto errore di battitura)
 
{{quote|Le finalità dell'Associazione comprendono altresì ogni attività intesa a promuovere la conoscenza, la ricerca, l'informazione su esperienze ed operazioni condotte nel campo delle arti visive, allo scopo di fornire concreti contributi di cultura, professionalità ed esperienza|Statuto dell'Archivio di Nuova Scrittura, 1988}}
 
La sede di via Orti dell'ANS è inaugurata nell'autunno 1989.<ref name="ferrari-35">{{cita libro|titolo=Archivio di Nuova Scrittura di Paolo Della Grazia. Storia di una collezione|autore=Daniela Ferrari|editore=Silvana|città=Cinisello Balsamo|anno=2012|isbn=978-88-3662-275-7|pagina=35}}</ref> Nello stesso periodo è pubblicato il catalogo della raccolta, con testi di Della Grazia, Carrega, Accame e Fagone, e inoltre è allestita una mostra della collezione permanente, con interventi di Rossana Bossaglia, Gillo Dorfles e Lea Vergine.<ref name="ferrari-35" /> Nel maggio 1991 l'esposizione si sposta alla Biblioteca cantonale di Lugano, presentata da Tomaso Kemeny.<ref name="ferrari-35" /> All'inizio degli anni Novanta Carrega decide di abbandonare l'attività e propone a Della Grazia l'acquisto di tutti i materiali del Mercato del Sale. Nello stesso periodo l'ANS acquisisce il Fondo Anna Oberto e il Fondo Marco Fraccaro, contententecontenente numerosi libri futuristi, conservato presso il Collegio Cairoli di Pavia.<ref name="ferrari-30">{{cita libro|titolo=Archivio di Nuova Scrittura di Paolo Della Grazia. Storia di una collezione|autore=Daniela Ferrari|editore=Silvana|città=Cinisello Balsamo|anno=2012|isbn=978-88-3662-275-7|pagina=30}}</ref>
 
===Gli anni Novanta===
108

contributi