Differenze tra le versioni di "Filosofia dell'informatica/L'etica informatica"

m
m (Bot: Correggo errori comuni (tramite La lista degli errori comuni V 1.1))
 
==Computer Ethics e software libero==
 
[[w:Richard Stallman|Richard Stallman]] con la sua battaglia, traccia una definitiva cesura tra il software libero ed il software proprietario, è opportuno quindi analizzare in questa sede le peculiari differenze tra le due visioni del mondo dell’informatica per avere un quadro generale più chiaro. Il [[w:software proprietario<ref>https://it.wikipedia.org/wiki/Software_proprietario</ref>|software proprietario]] rappresenta una modalità di diffusione e gestione del software chiusa, infatti per procedere ad una eventuale ispezione, modifica o adattamento richiede l'intervento di chi ha la proprietà del codice sorgente. Il software proprietario può essere soggetto a ritiro e non essere più fruibile in futuro, ciò realizza una vera e propria dipendenza dal fornitore che di solito provvede a brevettare il sistema di dati che lancia sul mercato.
Il [[w:software libero<ref>https://it.wikipedia.org/wiki/Software_libero</ref>|software libero]] al contrario può essere soggetto ad ispezione, modificato, riusato e diffuso. Può essere modificato e migliorato da chiunque sappia farlo, anche esterno alla comunità degli utenti.
Il software libero è dunque una risorsa comune i dati sono accessibili in un formato standard, infatti rende di pubblico dominio il codice sorgente consentendo la modifica ed il riuso. Dunque è sicuramente rilevabile una differenza etica tra le due visioni del mondo informatico, considerato che il software libero colma le lacune conseguenti al Digital Divide promuovendo possibili scenari di sviluppo sociale, attraverso l’adattabilità ai contesti locali e culturali, inoltre il trasferimento delle conoscenze tecnologiche tramite la descrizione del codice sorgente, stimola la cooperazione con la comunità internazionale di utenti e programmatori.
Pertanto il software libero incrementa la crescita economica, poiché la modifica autonoma del codice sorgente può favorire la nascita di una industria ICT che conosce le esigenze locali, con un abbattimento considerevole dei costi di hardware e software.