Differenze tra le versioni di "Forze armate mondiali dal secondo dopoguerra al XXI secolo/Iraq-Iran"

m
corretto errore di battitura
m (Corretto: "aeree")
m (corretto errore di battitura)
 
L'azione contro Sirri vide coinvolta la formazione dell'incrociatore Wainwright e le fregate Bagley e Simpson, del tipo 'Perry' come la Roberts. La piattaforma aveva un cannone, che però non venne usato perché le navi erano fuori portata. Dopo le prime cannonate venne interrotta l'azione per permettere ad un rimorchiatore di recuperare i naufraghi, gettatisi in mare dopo le prime cannonate, mentre un SH-2 venne soggetto a mitragliamento da parte di alcune imbarcazioni delle vicinanze. Ad un certo punto la JOSHAN, nave tipo 'Combattante II' armata di 4 missili Harpoon, si avvicinò e nonostante l'ammonizione a non proseguire l'azione lanciò due dei missili contro l'incrociatore. Quest'attacco, proprio con armi americane, contro l'ammiraglia della flotta venne parato manovrando la prua verso il missile e usando le ECM, lo deviò dal suo obiettivo. Subito dopo quest'azione la USS Simpson lanciò 3 missili Standard SM-1 in modalità anti-superficie (o forse erano Harpoon, la descrizione è piuttosto confusa) e uno da parte del Wainwright, con tre centri pieni (wikipedia inglese riporta 4 e due missili rispettivamente), fino a quando venne colata a picco da un'altra nave, la Bagley, che la colpì con un missile. La piccola motocannoniera da 270 t era stata devastata dai missili SAM sulle sovrastrutture ed era fuori uso, per questo ebbe poi anche un missile Harpoon a bordo, quando oramai, volendo, era risparmiabile dato che non era più in grado di combattere. Infine venne anche cannoneggiata dalle navi americane e affondata. Poco dopo, l'incrociatore tirò subito dopo anche 6 missili SM-2 contro due Phantom in avvicinamento, che vennero costretti ad allontanarsi. Dalla base sul'isola di Abbar Mussa partirono almeno mezza dozzina di vedette veloci dei Pasdaran verso le piattaforme colpite, ma trovarono presto gli A-6 Intruder del VA-95 'Green Lizards' e gli A-7E del VA-22 e VA-94, tutti aerei del CVW-11 della ENTERPRISE. Vennero usate armi apparentemente poco sensate per il compito antinave (ma impiegate con successo anche contro i libici), ovvero CBU Rockeye, affondando almeno due o 3 battelli e costringendo gli altri ad allontanarsi. Dopo la reazione iraniana, lanciata contro obiettivi non protetti come il rimorchiatore Willie Tide e il campo petrolifero Mubarak, entrambi americani e al largo degli Emirati arabi uniti, e la petroliera britannica York Marine abbandonata in fiamme.
[[File:Bild-Prayingmantis5sahand.jpg|350px|right|thumb|La F-73 IS Sahand affonda totalmente devastata dalle fiamme]]
Un altro gruppo navale era costituito dagli USS O'Brien, Strauss, Williams, che dovevano provocare a singolar tenzone le navi iraniane fuori dalla loro base principale di Bandar Abbas. Queste unità erano rappresentate principalmente dalle 4 fregate veloci 'Saam' costuitecostruite dalla Vosper britannica. Queste unità erano mezzi da 1.540 t di dislocamento a pieno carico, con un cannone da 114 mm Mk 8, 5 lanciamissili Sea Killer, lanciamissili Seacat e altre armi minori. Erano anche tra le poche navi che potevano superare in velocità le 'Lupo', raggiungendo i 39 nodi. Delle navi presero il mare due unità, la SAHAND e la SALABAN, cominciando da 8 ore dopo l'attacco americano. Anche se erano navi velocissime, non avevano molto da offrire in termini offensivi, con il cannone e i piccoli missili antinave che costituivano l'unica capacità offensiva delle navi. La prima delle due venne ammonita da un E-2C a non proseguire oltre, ma sparò delle cannonate a degli A-6 Intruder. Questi reagirono lanciando 4 GBU-10 a guida laser (con bombe Mk 84 da ben 907 kg) o forse delle AGM-123 Skipper su base Mk 83 (da 'soli' 454 kg nominali) anche due Harpoon; poi venne finita da uno o due missili Harpoon della USS Strauss: fu una vera demolizione per una piccola nave come questa, priva di difese antimissile, che andò in fiamme da prua a poppa affondando in una decina di minuti, avvolta in un fumo tanto denso che non si riuscì nemmeno a valutarne i danni. La SALABAN venne ingaggiata due ore dopo, alle 17, quando tirò 3 dei suoi inutili Seacat a corto raggio, il che provocò la reazione degli A-6 e A-7 delle CAP americane. I primi lanciarono una GBU-10 immobilizzando la nave, i secondi con le bombe Mk 82, Mk 83 e pare, una Walleye. Dalla USS Enterprise decollò una pattuglia di A-7 per distruggere la nave iraniana, ma dal Washington si pensava che c'era già stata una punizione più che sufficiente, il che provocò lo stop dal ministro della difesa Frank Carlucci, mentre la fregata iraniana era trainata a Bandar Abbas, ma non è stata mai riparata. il tutto venne definito dagli americani come una 'risposta misurata'. Nel frattempo, e forse non casualmente, sempre il 18 aprile gli Irakeni sferrarono un'offensiva nella penisola di Al-Faw con pesanti perdite per gli iraniani che vennero duramente colpiti.
 
Questa vera e propria battaglia navale è stata tra le poche combattute in maniera aperta, tra opposte marine, dell'era moderna, e forse l'unica in assoluto che ha visto navi e aerei americani combattere in maniera aperta contro altre unità navali a colpi di missili, per giunta entrambi della stessa origine. Questa battaglia dimostrò, come anche le battaglie contro la Libia del 1986, come le piccole navi missilistiche, per quanto pericolose, sono vulnerabili ad un attacco aereo ben condotto e non riescono a sopravvivere senza copertura aerea e senza effetto sorpresa, negato dagli aerei d'avvistamento radar che sorvegliano il tratto di mare interessato, che sia il Golfo o la Sirte. Queste battaglie provarono anche come le navi leggere siano vulnerabili alle armi di precisione americane, micidiali come al solito, ma non solo i missili antinave e quelli aria-superficie, ma anche missili SAM usati per compiti superficie-superficie, e anche bombe a grappolo o HE portate da moderni aerei (anche se non modernissimi) come gli A-7E; dall'altro lato dimostrarono come non necessariamente un solo colpo fosse sufficiente per distruggere il bersaglio, anche se forse più semplicemente si è trattato da parte degli americani di una tendena all'overkill', tirando più missili del necessario, magari per partecipare all'affondamento di una stessa 'preda'. Tant'è che la Marina protestò contro l'ingerenza politica nel negare il colpo di grazia alla seconda fregata.
93

contributi