Software e didattica/Introduzione: differenze tra le versioni

 
=== Disabilità e tecnologie ===
Un ambito particolare ha sempre avuto la massima importanza per la produzione di software educativi, quello della disabilità. Prodotti per non vedenti sono diffusi da sempre, mentre specifici software per altre tipologie di diversamente abili sono in continuo sviluppo. Varie case editrici e aziende operano nel settore distribuendo ottimi prodotti (quasi sempre più usabili a casa che a scuola), ma a prezzi piuttosto alti, che spesso devono sopportare direttamente le famiglie, anche se alcuni contributi arrivano dallo Stato e da diverse associazioni. La sintesi vocale<ref>Tecnica per riprodurre artificialmente la voce umana, attraverso strumenti hardware e software.</ref> è ampiamente adoperata ed è il mezzo più efficace per ottenere i migliori risultati dai soggetti interessati. A questo proposito si segnalano la piattaforma gratuita ''Microsoft Speech Platform - Runtime'' [https://www.microsoft.com/en-us/download/search.aspx?q=speech&first=1], le voci, sempre gratuite, ''MSSpeech_TTS_it-IT_Lucia'' [http://download.microsoft.com/download/4/0/D/40D6347A-AFA5-417D-A9BB-173D937BEED4/MSSpeech_TTS_it-IT_Lucia.msi], ''MSSpeech_TTS_en-GB_Hazel'' [http://download.microsoft.com/download/4/0/D/40D6347A-AFA5-417D-A9BB-173D937BEED4/MSSpeech_TTS_en-GB_Hazel.msi], ''MSSpeech_TTS_en-US_Helen'' [http://download.microsoft.com/download/4/0/D/40D6347A-AFA5-417D-A9BB-173D937BEED4/MSSpeech_TTS_en-US_Helen.msi], ''MSSpeech_TTS_en-US_ZiraPro'' [http://download.microsoft.com/download/4/0/D/40D6347A-AFA5-417D-A9BB-173D937BEED4/MSSpeech_TTS_en-US_ZiraPro.msi], la prima per la lingua italiana, le altre per la lingua inglese, e i programmi freeware ''Balabolka'' [http://www.cross-plus-a.com/balabolka.htm] e ''DSpeech'' [http://dimio.altervista.org/ita/], entrambi con utilissime funzioni di esportazione nei formati .wav e .mp3 dei testi letti. In Windows 8.1 e Windows 10 è installabile la voce femminile ''Elsa'', con le procedure descritte nella pagina dedicata del sito di Microsoft [https://support.office.com/it-it/article/Come-scaricare-lingue-per-la-sintesi-vocale-per-Windows-4c83a8d8-7486-42f7-8e46-2b0fdf753130]; nella stessa pagina scopriamo che, oltre a quelle già indicate, sono disponibili ulteriori altre voci, tre per il cinese, tre per l'inglese (''Zira'', ''David'', ''Hazel''), due per lo spagnolo (''Sabina'' e ''Helena''), una ciascuna per il francese (''Hortense''), il tedesco (''Hedda''), il giapponese (''Haruka''), il coreano (''Heami''), il polacco (''Paulina''), il portoghese (''Maria'') e il russo (''Irina''). Un'altra voce italiana molto interessante, ''Silvia'' [http://www.giuseppeservidio.net/03download/RSSolo4Italian.zip], non sempre viene riconosciuta dal sistema per cui è necessario ricorrere alle modifiche descritte da Alessio Antonellis [http://alessioantonellis.wordpress.com/2011/07/28/silvia-su-windows-7-a-64bit/]. Se il software open source ESpeak [http://espeak.sf.net/] offre la possibilità di leggere e salvare in formato .wav i testi importati o scritti direttamente, ma sempre usando le voci presenti nel sistema, all'interno di Firefox, la combinazione del servizio on-line ''NaturalReader'' [http://www.naturalreaders.com] - voci italiane Vittorio, Mario, Chiara e Valentina) e del componente aggiuntivo ''Video DownloadHelper'' [http://addons.mozilla.org/it/firefox/addon/video-downloadhelper/] permette la registrazione di testi letti in formato .mp3. Da notare che NaturalReader comprende anche 44 voci non italiane (8 in inglese americano, 7 nell'inglese britannico, 6 in spagnolo, 7 in francese, 6 in tedesco, 4 in portoghese, 4 in svedese, 2 in olandese); tutte queste voci possono essere usate nella versione gratuita del servizio per 20 minuti al giorno; se si supera questo limite giornaliero ci si deve accontentare delle "Free Voices" proposte (Elsa per l'italiano, Zira per l'inglese). Sempre per Firefox, ''Firevox'' [http://firevox.clcworld.net/downloads.html] legge il testo delle pagine visitate, ''ClickSpeak'' [http://clickspeak.clcworld.net/downloads.html] le righe su cui si clicca con il mouse. Sempre on-line, è utilissimo il servizio gratuito offerto da ''RoboBraille.org'' [http://www.robobraille.org/]; si possono caricare in locale o dal web files .doc, .docx, .pdf, .ppt, .pptx, .txt, .xml, .html, .htm, .rtf, .epub, .mobi, .tiff, .tif, .gif, .jpg, .jpeg, .bmp, .png, .pcx, .dcx, .j2k, .jp2, .jpx, .djv e .asc della dimensione massima di 64 Mb, oppure si può scrivere/incollare dalla memoria direttamente il testo da convertire; una volta inserito il testo da lavorare, si può scegliere il formato di output, cioè MP3 audio, Braille, E-Book (.epub, .mobi), Conversione in un diverso formato (.doc, .docx, . rtf, .pdf, .xls, .csv, .txt, .htm); il file convertito, sempre con caratteristiche di alta accessibilità, sarà inviato nella casella di posta indicata. Soprattutto per la costruzione di diari misti di parole e immagini si consiglia ''FacilitOffice'' [https://www.ivana.it/jm/software-didattico/category/13-elaboratori-di-testo] di ''Ivana Sacchi'', utilizzabile in combinazione con OpenOffice o LibreOffice. Dedicato infine in modo specifico, ma non esclusivo, ai non vedenti, ''Biblos Home'' [http://www.digrande.it/pages/download.asp#BiblosTools] è un eccezionale wordprocessor facile da usare e con numerose funzioni peculiari (analisi del testo, correzione ortografica, gestione di testi in greco antico e latino, supporto della sintesi vocale, esportazione dei testi in audiolibri .mp3, stampa Braille, disegno e stampa di grafici tattili). Eccezionale appare ''Javascript VirtualKeyboard'' [http://sourceforge.net/projects/jsvk], uno strumento che permette di usare ogni tastiera esistente o immaginabile, senza averla installata nel proprio pc; vengono considerati praticamente tutti i linguaggi del mondo e i testi prodotti usando i caratteri delle varie tastiere possono essere facilmente copiati ed incollati in tutte le applicazioni che richiedono un input da parte degli utenti; per usare basta caricare nel navigatore le pagine .html contenute nella directory principale del pacchetto scaricato. A metà tra l'editor e il lettore vocale, WriteType [http://www.softwaredidattico.org/files/writetype.zip] è un'applicazione progettata per gli studenti/utenti che hanno difficoltà a digitare, ma può essere utile anche per tutti gli utenti che vogliano scrivere correttamente. Per i numerosi diversamente abili con difficoltà di movimento (anche gravi) esistono peraltro dispositivi hardware appositi (tastiere espanse<ref>Tastiere di dimensioni superiori alla regola, con tasti ingranditi e distanziati in modo da facilitarne la selezione e la pressione.</ref>, facilitate, programmabili<ref>Tastiere con una superficie piana divisa in settori (sensibili alla pressione) in cui è possibile associare ogni cella (oppure ogni gruppo di celle vicine) a un simbolo della tastiera normale.</ref> e ridotte<ref>Tastiere piccole con tasti minuscoli e ravvicinati, molto sensibili alla pressione. Sono adatte a soggetti con distrofia muscolare o a disabili motori con un buon controllo solo della motricità fine di una mano.</ref>, ingranditori, emulatori, mouse ergonomici, touch screen, trackball<ref>Periferica di puntamento per PC. Una sfera comandata dalla mano ruota in una cavità con sensori che ne rilevano il movimento.</ref>, sensori singoli e multipli, comunicatori semplici<ref>Strumenti per facilitare la comunicazione interpersonale a persone non parlanti.</ref>, simbolici<ref>Un codice grafico (non alfabetico) consente a persone non parlanti la comunicazione interpersonale.</ref>, alfabetici<ref>Un codice alfabetico permette la scrittura o composizione di una parola o del proprio pensiero.</ref> e dinamici<ref>Dispositivi dotati di schermo e collegati a un computer presentano un contenuto che varia a seconda delle operazioni dell'utente.</ref>) che i programmatori di software didattici implementano sempre più spesso nei software che producono. Peraltro anche nell'ambito del software "libero" sono state considerate negli ultimi anni le esigenze dei soggetti diversamente abili, come dimostrano le opzioni inserite in molti programmi didattici creati dai maggiori esperti italiani (Ivana Sacchi in particolare), il già citato seminario di studio "Un protocollo per i realizzatori di software didattico di libero utilizzo" (Cagliari 2004) e le esperienze proposte nelle diverse manifestazioni dedicate al settore: sono da segnalare, a questo proposito, gli 11 convegni ''HANDImatica'' di Bologna [http://www.handimatica.com], dal 1997 al 2017, ma anche le 19 edizioni del ''Mediaexpo'' di Crema [httphttps://wwwit-it.mediaexpofacebook.itcom/mediaexpocrema/].
 
=== I soggetti e gli attori ===
1 463

contributi