Utente:Ferdi2005/Sandbox: differenze tra le versioni

nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
 
 
In tutti i casi, non c'è necessità che gli alimenti siano effettivamente venduti all'acquirente finale, ma basta che siano offerti al pubblico con la loro messa in commercio.
 
== Politica agricola comune ==
L'Unione Europea promuove la [[w:Politica agricola comune|Politica agricola comune]] (PAC), nell'ambito della quale eroga 25 miliardi di fondi destinati al miglioramento delle condizioni degli agricoltori, delle forniture alimentari e della loro sostenibilità.<ref name=":0">{{Cita libro|autore=Eurispes|titolo=6º rapporto sui crimini agroalimentari in Italia|anno=2019|editore=Minerva|città=Roma|pp=365-366|ISBN=9788833241272|autore2=Coldiretti}}</ref>
 
Spesso tali fondi cadono nel mirino delle agromafie, come tutti gli altri fondi europei. Le autorità competenti hanno individuato infatti diverse richieste con dichiarazioni parzialmente o totalmente false, attraverso le quali vari soggetti, anche collusi con la mafia, cercavano di accedere ai fondi della PAC pur senza averne diritto.<ref name=":0" />
 
== Contrasto ==
Le forze dell'ordine e le autorità italiane che hanno l'obiettivo di contrastare le attività delle agromafie, identificando gli alimenti oggetto di frode alimentare, bloccandone la vendita e sanzionando i responsabili sono, oltre alla Guardia di finanza:
* il '''Comando Carabinieri per la Tutela Agroalimentare'''<ref>{{Cita web|https://www.politicheagricole.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/4905|Comando Carabinieri per la Tutela Agroalimentare|sito=Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali}}</ref>, che esegue materialmente controlli e perquisizioni. Esso opera anche nell'ambito della verifica del corretto impiego dei fondi della [[w:Politica agricola comune|Politica agricola comune]] dell'Unione Europea, i quali sono spesso nel mirino delle agromafie, così come tutti gli altri fondi comunitari;
* l<nowiki>'</nowiki>'''Ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agroalimentari'''<ref>{{cita web|https://www.politicheagricole.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/9027|Competenze ICQRF|sito=ICQRF - Ispettorato centrale repressione frodi|editore=Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali}}</ref>, dipartimento del [[w:Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali|Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali]] che vigila anche sui marchi protetti dalla legge europea come [[w:Denominazione di origine protetta|DOP]], [[w:Indicazione geografica protetta (Unione europea)|IGP]] e Bio, spesso falsificati nell'ambito delle frodi commerciali.
Inoltre, l'[[w:Eurispes|Eurispes]] e la [[w:Coldiretti|Coldiretti]] pubblicano periodicamente un rapporto congiunto sul fenomeno, nel quale analizzano il fenomeno delle agromafie nelle sue varie declinazioni e propongono eventualmente delle soluzioni.<ref name=":0" />
 
== Note ==
* {{cita web|https://www.filodiritto.com/frode-alimentare-distinzione-fra-frode-sanitaria-e-frode-commerciale|Frode alimentare: distinzione fra “frode sanitaria” e “frode commerciale”|sito=Filodiritto|data=13 marzo 2017|autore=Massimiliano De Lassaletta}}
* {{cita web|https://www.brocardi.it/codice-penale/|Codice Penale 2020 (commentato)|sito=Brocardi.it|accesso=21 maggio 2021}}
* {{cita web|https://www.politicheagricole.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/9027|Competenze ICQRF|sito=ICQRF - Ispettorato centrale repressione frodi|editore=Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali}}
* {{Cita web|https://www.politicheagricole.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/4905|Comando Carabinieri per la Tutela Agroalimentare|sito=Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali}}