Differenze tra le versioni di "Interpretazione e scrittura dell'Olocausto/Germania Federale"

m
Corretto: "uno scrittore"
m (Bot: corregge errori ortografici comuni)
m (Corretto: "uno scrittore")
 
che non è altro che impudenza<br/>
Questo signore ti trasformerà in un'operetta<ref>Thomas Bernhard, {{en}} ''The Hunting Party'', trad. ingl. Gitta Honegger, ''Performing Arts Journal'', Vol. V, Nr. 1 (1980), pp. 96-131; p. 114.</ref>}}
E, in effetti, l'elenco del cast de ''La brigata dei cacciatori'' sembra l'elenco del cast di un'operetta viennese: il Generale, la moglie del Generale, lo scrittore, il taglialegna, i ministri, il principe, la principessa e il cuoco. Come nella maggior parte delle operette, la trama è derivativa. Un Generale e sua moglie vivono in una grande casa nella foresta. UnaUno scrittore e alcuni ministri sono stati invitati. Due drammi famosi forniscono la trama de ''La brigata dei cacciatori'': ''[[w:Il giardino dei ciliegi|Il giardino dei ciliegi]]'' e ''[[w:Il gabbiano|Il gabbiano]]''. Come ne ''Il giardino dei ciliegi'', il passato sta marcendo e deve essere tagliato via. Il Generale e sua moglie si lamentano delle imminenti attività dei taglialegna che si devono mettere a tagliar alberi a causa di "una malattia terminale". La moglie del Generale (una combinazione di Masha e Arkadina) esorta lo scrittore a giocare a carte con lei. Ne ''Il gabbiano'' (Atto IV), Masha commenta che il gico del lotto è noioso ma almeno dà qualcosa da fare, e la moglie del Generale gioca a carte per "passare il tempo". Alla fine de ''La brigata dei cacciatori'', in parallelo col suicidio di Kostya, il pubblico sente uno sparo e presuppone che il Generale si sia suicidato.
 
Il giochi intertestuali di Bernhard hanno uno scopo duplice: primo, servono da abbreviazione semiotica per il pubblico — abbatti una foresta a colpi d'ascia e immediatamente vengono in mente connotazioni di una società corrotta e transitoria. Secondo, evidenziano che il dramma, come la vita e la società, è artificio. Ciò è particolarmente vero della società austriaca, sostiene Gitta Honneger, dove l'identità nazionale è diventata il suo identikit da cartolina: operetta, [[w:Arte barocca|arte d'Alto Barocco]], torta ''[[:en:w:Cremeschnitte|cremeschnitte]]'', e [[w:Arthur Schnitzler|Arthur Schnitzler]].<ref>Gitta Honneger, "The Hunting Party", p. 98.</ref> Questa cultura è stata consapevolmente costruita per nascondere la vera identità dell'Austria come partner della Germania nella Soluzione Finale. Ne ''La brigata dei cacciatori'' il Generale (ritenuto essere un criminale di guerra nascosto nell'isolamento della foresta) sta per essere rimosso dal governo perché la sua vera storia è sul punto d'essere scoperta. Non è la questione etica di ciò che un individuo ha fatto durante la guerra che è cruciale, ma la possibilità della sua scoperta. Come dice la moglie del generale: