Differenze tra le versioni di "Atletica leggera/Corsa/Corsa veloce"

Nessun cambiamento nella dimensione ,  6 mesi fa
m
Corretto: "dipende da"
m (Annullate le modifiche di 95.255.9.140 (discussione), riportata alla versione precedente di Hippias)
Etichetta: Rollback
m (Corretto: "dipende da")
== Tecnica ==
=== La partenza ===
La tecnica della partenza della corsa veloce (in particolare i 100 metri ) è molto importante ed è quasi esclusivamente finalizzata ad aumentare la spinta in avanti e si può dividere in tre fasi: la preparazione (la posizione sul blocco), lo stacco dal blocco e la spinta. Una corretta posizione sul blocco è molto importante per la spinta successiva. Prima di tutto si devono posizionare gli appoggi per i piedi, in genere si prende un piede (misura che dipende delladalla scarpa, non importa una grande precisione) dalla punta del blocco per il primo appoggio e due per il secondo, la gamba davanti di solito è quella di spinta perché è quella che spinge l'atleta "fuori" dal blocco. Alcuni (pochi) atleti partono con i due piedi paralleli, ciò dà un vantaggio nella spinta ma richiede moltissima coordinazione ed agilità perché altrimenti porta l'atleta a piegare troppo le ginocchia perdendo potenza.
per posizionarsi correttamente sul blocco è necessario prima mettersi in posizione davanti al blocco poi appoggiare i piedi (un errore comune è quello di appoggiare i piedi e successivamente prendere posizione in modo scomodo). Successivamente si appoggiano le mani, possibilmente sui polpastrelli delle dita, dietro la linea di partenza, è consigliabile alzarsi sul blocco prima del momento del richiamo per verificare la propria posizione quando ci si alza sul blocco si dovrebbe appoggiare il peso del busto sulle braccia, tenendosi sui polpastrelli delle dita (per avere più reattività) con le spalle all'altezza delle mani, si tendono le gambe (non eccessivamente) in modo da sollevare il bacino che deve essere leggermente superiore all'altezza delle spalle.
per staccarsi dal blocco si dà una spinta forte con entrambe le gambe alzando in questo modo il busto (che deve rimanere dritto ma non deve raggiungere una posizione eretta. Poi la gamba di dietro si stacca (quando la posizione è abbastanza eretta da fare il primo passo) mentre quella davanti continua a spingere (questa gamba si stacca quando l'altra è già in fase di spinta). Tutta questa fase dovrebbe durare pochi decimi di secondo, ma la sua buona esecuzione è indispensabile per la fase successiva.