Differenze tra le versioni di "Immagini interpretative del Gesù storico/Il problema delle immagini"

testo
(testo)
(testo)
Un terzo del materiale di Gesù che è attestato più di una volta, viene utilizzato nella maggior parte dei casi in contesti diversi e per scopi diversi. Questa è un'ulteriore indicazione della diversità dell'interpretazione di Gesù ai primi livelli della sua tradizione. Dunn (1977:80) trae le stesse conclusioni, sebbene pensi che il filo unificatore sia molto più vasto di quello che un inventario della tradizione di Gesù possa mostrare. Crossan (1991:xxxi) riassume appropriatamente l'inizio del processo: "Gesù lasciò dietro di sé pensatori non memorizzatori, discepoli non recitatori, persone non pappagalli".
 
Ciò che è vero per l'ebraismo del primo secolo è vero anche per la chiesa primitiva: erano entrambi pieni di divergenze. La chiesa primitiva potrebbe quindi essere stata più diversificata di quanto eravamo inclini a pensare prima (Nickelsburg 1993:2). L'idea che la chiesa fosse un'unità con un ambito di diversità tollerabile è sempre più messa in discussione. Markus (1980:3) assegna questo punto di vista alla visione di Eusebio sulla storia della chiesa che la ritraeva come un'unità ortodossa da cui si staccarono le sette successive. Molte delle divergenze che in seguito furono viste come il segno distintivo delle cosiddette sette, possono essere direttamente attribuite ad alcune delle comunità primitive (Markus 1980:2).
 
Le comunità primitive non avevano sistemi dottrinali elaborati o strutture istituzionali. Il loro fascino era nella loro intima associazione che dava a persone alienate un senso di appartenenza (Markus 1980: 3).
 
Le testimonianze archeologiche raccolte a Nazareth, Cafarnao e Betania, supportano l'opinione che la chiesa primitiva non fosse un monolite ortodosso. Ciò è rivelato dalle diverse serie di santuari cristiani trovati uno sopra l'altro in vari siti archeologici. L'architettura di questi santuari indica diversi tipi di credenze sostenute dai loro costruttori. La differenza nell'orientamento dei santuari, l'iconografia, i graffiti sui muri e le diverse lingue indicano tutti una ricca diversità nella chiesa primitiva (Strange 1983:21). Strange conclude, basandosi sui reperti archeologici, che la realtà è più complicata di quello che siamo arrivati a credere.
 
Dobbiamo tener conto delle crepe nel paleocristianesimo che avvenivano su diverse linee. Siamo in grado di identificare una divisione urbano-rurale, le divisioni create da ''status'' e rango — ricchezza e povertà diedero origine alla diversità tanto quanto l'identità etnica (Strange 1983:21). Anche il fatto che il cristianesimo fosse fiorito in almeno cinque culture diverse, portò alla diversità (Cupitt 1972: 135).
 
L'Eucaristia ci fornisce un altro esempio di diversità nella prima cristianità. Dobbiamo essere consapevoli che i primi testi che ci danno una chiara e inequivocabile testimonianza sulle parole dell'istituzione dell'eucaristia, sono i padri della chiesa (Smith & Taussig 1990:15). Il Nuovo Testamento apre una prospettiva su diversi banchetti che erano parte integrante della vita nel I secolo. Nella società ellenistica i banchetti erano una parte importante dell'interazione sociale delle persone che formavano associazioni o club per persone con gli stessi interessi. La società ebraica teneva i pasti comuni in egual alta stima — possiamo dedurre che molte delle discussioni rabbiniche avvenivano durante tali pasti. Questi pasti multipli che avevano luogo in più contesti, furono successivamente portati fuori dalla loro molteplicità nelle liturgie ortodosse per l'eucaristia (Smith & Taussig 1990:37).
 
Dobbiamo essere consapevoli che le pratiche alimentari di Gesù che si riflettono nei Vangeli, ci danno una visione delle pratiche alimentari della comunità in cui il particolare vangelo funzionava (Smith & Taussig 1990:51). Così il racconto marcano sul pasto si concentra sulla chiamata del discepolato come chiamata al martirio (Smith & Taussig 1990:54). Luca/Atti ritrae una comunità in cui lo spezzare il pane significava l'unità e la coesione della comunità (Smith & Taussig 1990:57). Matteo ha poi trasformato il materiale del pasto marcano per enfatizzare la natura sacrificale dell'ultima cena (Smith & Taussig 1990:59). Le differenze tra Paolo e Pietro ad Antiochia ebbero origine anche nella loro interpretazione del banchetto cristiano (Smith & Taussig 1990:59-63).
 
Dalle diverse pratiche alimentari che si sono unificate in una liturgia ortodossa, siamo resi consapevoli che c'era diversità anche in quegli atti cristiani che percepiamo essere di natura unificante.
 
== Valutazioni ==
Troviamo due branche di diversità quando esaminiamo il Gesù storico. La prima potrebbe essere chiamata diversità moderna e la seconda diversità antica.
 
La diversità moderna è nata a causa dei pregiudizi dei ricercatori moderni e della natura dei testi che abbiamo su Gesù. Sia il pregiudizio che la natura dei testi portarono a una divergenza di immagini del Gesù storico. Le diverse immagini del Gesù storico screditarono la ricerca storica e diedero all'intera ricerca un tono problematico.
 
 
 
 
{{Avanzamento|5075%|210 maggio 2021}}
[[Categoria:Immagini interpretative del Gesù storico|Il problema delle immagini]]
10 296

contributi