Differenze tra le versioni di "Geografia OpenBook/Geografia degli insediamenti"

La nascita e lo sviluppo della città moderna, legato strettamente alla rivoluzione industriale, dà luogo alla rivoluzione urbana, ne è il suo effetto concreto sulla superficie terrestre. In effetti si piò affermare che un "boom economico" (sviluppo economico) si concretizza nella crescita di una città. E' vero anche il contrario: una forte crisi economica locale si concretizza nella decadenza, fino all'abbandono, di una città
 
Più recentemente nei Paesi sviluppati, la città ha attraversato, dagli anni '80 del novecento, una evidente trasformazione. Molti insediamenti industriali, in particolare quelli dell'industria tradizionale (abbigliamento, ecc.) e dell'automobile sono stati delocalizzati in aree di nuova industrializzazione con costi di insediamento e del lavoro più bassi. Inizialmente verso aree vicine, successivamente in zone molto più lontane o addirittura all'estero a causa delle ''dis-economie di scala e di agglomerazione''. Le città industriali dei Paesi sviluppati (la maggioranza) hanno attraversato quindi una fase di ''de-industrializzazione'' e quindi di ''terziarizzazione'' o di declino. Molte città sono diventate da industriali a post-industriali, vedendo scomparire buona parte dei posti di lavoro legati all'industria. E' questa la condizione attuale in cui si trova la maggior parte delle città dei Paesi sviluppati ed in particolare quelle che avevano una funzione urbana strettamente industriale basate su produzioni tradizionali (p.es. tessile, metallurgico, automobile) rispetto a quelle più innovative (p.es elettronica, farmaceutico, aeronautico).
 
'''Funzione urbana'''</br>
In base alla maggiore concentrazione di addetti in particolari settori o sub-settori dell'economia, la città può svolgere un ruolo, una funzione economica particolare. Ad esempio: industriale, commerciale, turistica, finanziaria, amministrativa.
 
===Principali insediamenti===
2 908

contributi