Differenze tra le versioni di "Utente:Giuli2797/Cromatografia/Introduzione"

Removing Difusão_de_turbilhonamento.png, it has been deleted from Commons by Jaqen because: Copyright violation; see c:Commons:Licensing (F1): James M. Miller, Chromatogr
(Removing Difusão_de_turbilhonamento.png, it has been deleted from Commons by Jaqen because: Copyright violation; see c:Commons:Licensing (F1): James M. Miller, Chromatogr)
 
==Teoria dell'allargamento di banda ed equazione di Van Deemter==
Sperimentalmente si può notare che all’aumentare del tempo di ritenzione i picchi tendono ad allargarsi e in particolare che l’allargamento del picco è funzione del tempo che il soluto trascorre in colonna. <br>
Questo fenomeno può essere spiegato attraverso diversi modelli tra cui ad esempio il modello di non equilibrio di Giddings secondo il quale il fenomeno dell’allargamento del picco è causato da fattori fisici e cinetici quali ad esempio la diversa velocità di migrazione delle molecole di analita nella colonna e non da differenze negli equilibri di distribuzione. Possiamo identificare quindi le cause di questo effetto in tre diversi fattori:[[File:Difusão de turbilhonamento.png|thumb|Percorsi multipli]]
* percorsi multipli – quando le particelle di analita attraversano la colonna impaccata di fase stazionaria possono percorrere percorsi differenti a seconda delle vie rimaste libere al suo interno. Ne consegue quindi che dal punto di vista statistico non tutte le particelle percorreranno cammini identici ma, mentre alcune seguiranno percorsi leggermente più brevi, altre seguiranno percorsi più lunghi per cui arriveranno in fondo alla colonna in tempi leggermente differenti. Se le molecole di fase stazionaria sono molto fini questo effetto verrà minimizzato perché dal punto di vista statistico la lunghezza dei vari percorsi che una particella di soluto potrà percorrere saranno molto simili tra loro. Rendendo omogeneo il sistema infatti le deviazioni dal percorso medio saranno minimizzate.
: <math> A = 2 \lambda d_P</math> <ref> Miller, pag. 76</ref>