Differenze tra le versioni di "Biologia per istituti tecnici/Metodi contraccettivi"

Corretto: "riguardo alla"
(Corretto: "riguardo alla")
== Aborto (IVG - interruzione volontaria della gravidanza) ==
[[File:Abortion Laws.svg|miniatura|496x496px|Mappa che sintetizza le posizioni della legislazione sull'aborto nel mondo.<sup>[154]</sup>  BLU = Legale su richiesta  VERDE = Illegale salvo che in caso di rischio per la vita della madre, problemi di salute fisica o mentale, stupro, malformazione del feto e/o fattori socioeconomici  - GIALLO = Illegale salvo che in caso di rischio per la vita della madre, problemi di salute fisica o mentale, stupro e/o malformazione del feto  -ARANCIO = Illegale salvo che in caso di rischio per la vita della madre, problemi di salute fisica o mentale e/o stupro      Illegale salvo che in caso di rischio per la vita della madre e/o problemi di salute fisica o mentale  ROSSO =   Illegale salvo che in caso di rischio per la vita della madre - NERO =    Illegale senza eccezioni  - GRIGIO = Nessuna informazione]]
Metodo molto controverso, non deve essere considerato un metodo di controllo delle nascite, consiste nell'interruzione della gravidanza con la rimozione dell'embrione (fino alla 9° settimana) o del feto dall'utero. In Italia, secondo la legge 194, è '''legale nei primi 3 mesi''' (90gg) per la donna "''che accusi circostanze per le quali la prosecuzione della gravidanza, il parto o la maternità comporterebbero un serio pericolo per la sua salute fisica o psichica, in relazione o al suo stato di salute, o alle sue condizioni economiche, o sociali o familiari, o alle circostanze in cui è avvenuto il concepimento, o a previsioni di anomalie o malformazioni del concepito (art. 4)''". Dopo i 90 gg è possibile solo per motivi terapeutici. La legge stessa ribadisce che "''non è mezzo per il controllo delle nascite''". Il padre del concepito non può intromettersi nella decisione della donna riguardo laalla IVG. IL ginecologo può esercitare l'obiezione di coscienza (ma non per l'IVG terapeutica). In Italia circa il 70% dei medici ginecologi esercita l'obiezione di coscienza (Francia 7%, Svezia 0%). La donna ha anche il diritto di lasciare il bambino in ospedale per l'adozione, in anonimato. Recentemente si fa spesso ricorso alla pillola abortiva RU-486 che permette l'aborto chimico nei primi 2 mesi di gravidanza
 
== Efficacia dei vari metodi ==
Utente anonimo