Differenze tra le versioni di "Cyberbullismo/Prevenzione e sensibilizzazione"

Corretto: "riguardo alla"
(→‎La struttura scolastica: Errore di battitura)
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile
(Corretto: "riguardo alla")
 
 
== E il bullo? ==
Il bullo deve imparare a comunicare all'interno della classe per capire l'opinione che altri nutrono riguardo laalla sua persona, accettando o rifiutando tale posizione. Infatti, il dialogo è il principio su cui deve basarsi la scuola. Le prepotenze e l’aggressività espresse dal bullo sono un’esternazione dell’anomia di valori e di relazioni<ref>M. L. Genta, ''Il bullismo, bambini aggressivi a scuola'', Carrocci, Roma, 2002, p. 83.</ref>; principalmente ciò si manifesta all’interno di un gruppo e il modo migliore, oltre al dialogo, per sconfiggere il bullismo è la prosocialità, o “comportamento sociale positivo”, caratterizzata da una forma di altruismo egocentrico che spinge l'individuo a migliorare le condizioni altrui, attraverso motivazioni interiorizzate ed autogratificanti, senza aspettarsi di ricevere ricompense esterne. Le azioni dirette da questa attitudine, che può essere educata, determineranno l'aumento della probabilità dell’instaurarsi di relazioni reciproche positive. Quindi, a causa della larga diffusione del bullismo, bisognerebbe attuare dei progetti nelle scuole, che riguardino tutti i soggetti coinvolti, attraverso lavori cooperativi o di supporto al compagno bullo al fine di prendere provvedimenti contro l'aggressività; infatti, i bulli che si presentano cooperativi agiscono meno prepotentemente e hanno la tendenza a relazionarsi agli altri in modo positivo. Dunque, la prosocialità e la cooperazione si incentrano sulla comunicazione tra coetanei al fine di contrastare e prevenire l'aggressività.
 
== Gli spettatori ==
Utente anonimo