Libro di cucina/Ricette/Calamari fritti: differenze tra le versioni

Nessun cambiamento nella dimensione ,  1 anno fa
m
corretto errore di battitura
mNessun oggetto della modifica
m (corretto errore di battitura)
 
# Individuare l’osso cartilagineo trasparente che si trova nel mantello ed estrarlo delicatamente.
# Passare nuovamente il calamaro sotto acqua corrente, svuotando delicatamente con le mani la sacca del contenuto: le interiora e il sacco di inchiostro.
# Terminare la pulizia del mantello rimuovendo con un coltellino le pinne e infine, con lelo stesso coltellino, incidendo la parte finale per afferrare un lembo di pellicina esterna e rimuoverla
# Lavare abbondantemente, e disporre la sacca a sgocciolare per 10 minuti in uno scolapasta o un canovaccio pulito. Asciugare alla fine con la carta assorbente da cucina.
# Mettere il calamaro su un tagliere e poi, con un coltello ben affilato o con delle forbici, tagliare la sacca ad anelli regolari. In alternativa, si possono tagliare i calamari prima di lavarli e sgocciolarli.
136

contributi