Pluralismo religioso in prospettiva ebraica/Diversità intrareligiosa: differenze tra le versioni

testo+compl.
(testo)
(testo+compl.)
 
Nelle tese relazioni tra i coloni sionisti e le popolazioni arabe locali, le nuove comuni, note come ''[[w:kibbutz
|kibbutzim]]'', hanno svolto ruoli difensivi essenziali. Sebbene la Palestina dopo il 1922 fosse sotto il mandato britannico, la sicurezza degli individui e delle proprietà veniva periodicamente messa a repentaglio da una popolazione araba ostile che comprendeva la natura della lotta forse meglio dei coloni sionisti. I ''kibbutzim'' furono la base per l'emergere della nuova abilità militare ebraica, prima per motivi di autodifesa contro gli arabi e poi diretti contro lo stesso [[w:Mandato britannico della Palestina|mandato britannico]], con la spinta finale verso la creazione di un nuovo stato ebraico. E le nuove comuni furono anche il fondamento di una nuova cultura ebraica. Quanto era ebraica la nuova cultura? Questa è una domanda molto difficile a cui rispondere. In superficie, la cultura del kibbutz era completamente laica. La fede in Dio non era né affermata né attesa, e il tradizionale stile di vita religioso ebraico fu praticamente abbandonato, una reliquia del passato borghese e diasporico che dovette essere rovesciato dalla rivoluzione sionista. Tuttavia uno sguardo più attento indica un maggior grado di continuità con la tradizione ebraica. Nei ''kibbutzim'' la Bibbia era studiata come letteratura nazionale; lo Shabbat e le feste venivano celebrati con nuovi rituali creativi; e una forte identità nazionalista venneveniva forgiata attraverso lo studio della storia ebraica in cui era enfatizzato l'antisemitismo.
 
 
 
La cultura ebraica dei ''kibbutzim'' definì ciò che sarebbe stata la cultura israeliana dopo l'istituzione dello Stato di Israele nel 1948. Tuttavia, Quando lo Stato fu dichiarato, non si definì come uno "stato per gli ebrei" (come Herzl lo immaginò) ma piuttosto come uno "Stato ebraico", in cui gli ebrei di tutto il mondo hanno il diritto automatico di diventare cittadini in virtù dell'essere ebrei. Il significato preciso di "Stato ebraico", tuttavia, era poco chiaro, lasciando gli ebrei in Israele e nel mondo a discuterne senza fine. Lo Stato di Israele è nato con il sostegno delle nazioni del mondo tre anni dopo la scomparsa di un terzo del popolo ebraico durante l'Olocausto. Sebbene la [[w:Shoah|Shoah]] da sola non sia stata la causa della creazione dello Stato, è stato chiaramente un importante fattore contribuente.
 
== Lo Stato di Israele: una casa divisa ==
La sofferenza degli ebrei durante la Shoah portò finalmente le nazioni del mondo a sostenere l'agenda sionista, ma la creazione dello Stato di Israele significava poca pace, sia esternamente che internamente. Gli ebrei in Israele sono rimasti il perenne ''Altro'', combattendo per il diritto dello Stato di esistere tra le nazioni che desiderano invece vederne la fine. E all'interno dello Stato di Israele è la popolazione arabo palestinese che funge da ''"Altro interno"''. Pur godendo della cittadinanza, gli arabi non hanno goduto degli stessi diritti e hanno subito le politiche intenzionalmente discriminatorie dei successivi governi israeliani per mantenere il settore arabo meno sviluppato della maggioranza ebraica. Dopo il 1967, il nazionalismo palestinese, che aveva tentato di affrontare la difficile situazione dei profughi del 1948, guadagnò slancio tra gli arabi israeliani, complicando ulteriormente l'interdipendenza tra lo stato ebraico e i suoi vicini arabi.
 
Dall'interno, infuria un acceso dibattito sul carattere ebraico del nuovo Stato. Se Israele è uno Stato ebraico (e non solo uno stato laico in cui gli ebrei sono la maggioranza), allora la cultura e la società israeliane dovrebbero essere condotte secondo i principi della legge religiosa ebraica? Dal momento che molti dei primi sionisti erano avidi laici, il ritorno a uno stato governato religiosamente sembrava essere la peggiore applicazione della mentalità della diaspora.<ref>Le contraddizioni interne del Sionismo, specialmente le tensioni tra principi democratici moderni e l'agenda nazionalista, sono esposti da Bernard Avishai, ''The Tragedy of Zionism: Revolution and Democracy in the Land of Israel'' (Farrar, Straus and Giroux, 1985).</ref> Ma furono gli ebrei religiosi a respingere qualsiasi tentativo di creare una costituzione per il nascente stato sulla base che la Torah è l'unica costituzione del popolo ebraico. Nei primi tre decenni dello stato ebraico (1948-1977), la cultura politica era l'eredità del sionismo socialista, ora tradotta nell'ideale dello "statismo", l'assoggettamento di tutti i programmi ai bisogni del nuovo stato. Questa ideologia ha servito bene Israele nei primi anni molto difficili, quando ha dovuto assorbire milioni di ebrei, compresi i sopravvissuti all'Olocausto e gli ebrei che erano stati costretti a lasciare le nazioni arabe di recente costituzione. Gli immigrati ebrei dai paesi musulmani non avevano subito l'emancipazione o la modernizzazione; erano rimasti legati alla tradizione religiosa ebraica che potevano praticare in relativa pace come cittadini di seconda classe.
 
L'assorbimento della massiccia immigrazione ebraica dai paesi musulmani in una nuova nazione di immigrati dall'Europa fu caratterizzato da difficoltà e ha lasciato cicatrici, che si fanno sentire ancora oggi. Risentiti per il loro status sociale inferiore, gli ebrei dei paesi musulmani hanno nutrito risentimento verso le istituzioni, la cultura e lo stile della società israeliana. I nuovi arrivati avrebbero cambiato la mappa politica di Israele nel 1977, rovesciando un governo laburista ed eleggendo un partito rivale le cui politiche erano la privatizzazione e lo smantellamento del ''[[w:Stato sociale|Welfare state]]''. Dal 1977, gli ebrei delle nazioni musulmane sono diventati sempre più forti nella politica e nella cultura israeliana, cambiando il sapore e l'orientamento della vita israeliana.
 
Nel ventunesimo secolo, lo Stato di Israele non è affatto più vicino alla pace interna. Al contrario, le visioni rivali sull'ebraicità dello Stato sono diventate più antagoniste e a volte sembra che Israele sia sull'orlo della guerra civile. Questi dibattiti si svolgono tutti nell'arena politica poiché oltre venti partiti competono per il potere e la religione ebraica è diventata completamente politicizzata. I partiti religiosi, anche ultraortodossi che trovano lo stato di Israele una negazione degli ideali dell'ebraismo, impiegano la politica per ottenere sostegno finanziario dallo Stato per la loro istituzione preferita. La politicizzazione della religione contribuisce ulteriormente all'alienazione e all'ostilità tra laici e tradizionalisti, alle tensioni tra Israele e gli ebrei liberali della Diaspora e alla frustrazione tra gli israeliani che iniziano a dubitare della capacità degli ebrei di governare se stessi.
 
==Note==
<div style="height: 200px; overflow: auto; padding: 3px; border:1px solid #AAAAAA; reflist4" ><references/></div>
 
{{Avanzamento|75100%|26 gennaio 2021}}
[[Categoria:Pluralismo religioso in prospettiva ebraica|Diversità intrareligiosa]]
13 222

contributi