Differenze tra le versioni di "Storia della letteratura italiana/Nascita della prosa volgare"

m
(revisione)
 
Cospicui sono gli scritti di carattere dottrinale e morale che vengono composti in volgare e in francese, come il ''Libro della composizione del mondo'' di Restoro d'Arezzo (seconda metà XIII secolo), una trattato enciclopedico in cui affronta temi di geografia e di astronomia. Un altro esempio è il ''Liber de regimine rectoris'' di fra Paolino Minorita (1270 circa – Pozzuoli, 22 giugno 1344), scritto in volgare veneziano seguendo il modello latino e francese, e che riporta suggerimenti di carattere morale per coloro che governano.
 
Le opere più importanti sono però il ''Trésor'' (''Li livres dou Trésor'') di [[../Brunetto Latini|Brunetto Latini]], scritto in lingua d'oïl ma poi tradotto in volgare in due edizioni, e, dello stesso autore, ''Il Tesoretto'', un poema allegorico-didattico rimasto incompiuto ricalcato sul ''Roman de la rose''. [[../Dante Alighieri|Dante]] considererà il ''Trésor'' una fonte preziosa per la sua ''Commedia'', citandoloe comeciterà maestroBrunetto come ideale maestro nel XV canto dell<nowiki>'</nowiki>''Inferno''.
 
Molte altre prose del Duecento sono tradotte dal francese e hanno un carattere morale, come nel caso dei ''Dodici canti morali'', i ''Disticha Catonis'' e i trattati di Albertano da Brescia (Brescia, fine del XII secolo – Brescia, dopo il 1253) tradotti in volgare da Andrea da Grosseto nel 1268 e dal pistoiese Soffredi del Grazia nel 1278. Il volgarizzamento di Andrea da Grosseto si può definire la prima opera in prosa in lingua italiana, poiché l'intento del grossetano era di utilizzare una lingua nazionale, unificatrice, comprensibile in tutta la Penisola, una lingua che lui definisce per l'appunto ''italica''.<ref>{{cita libro | curatore=Francesco Selmi, Commissione per i testi di lingua | titolo=Avvertenza | opera=Dei Trattati morali di Albertano da Brescia, volgarizzamento inedito del 1268 fatto da Andrea da Grosseto | url= | anno=1873 | editore=Romagnoli | città=Bologna | capitolo= | volume= | pp=XII-XIII }}</ref>