Differenze tra le versioni di "Storia della letteratura italiana/Vincenzo Monti"

m (Bot: uniformazioni varie (note, link))
Etichetta: Annullato
== La vita ==
[[Immagine:VincenzoMonti.jpg|thumb|left|Vincenzo Monti, 1809, ritratto da Andrea Appiani. Pinacoteca di Brera, Milano]]
Vincenzo Monti, figlio di Fedele e Domenica Maria Mazzari, proprietari terrieri, nasce a Fusignano, presso Alfonsine, il 19 febbraio 1754. Dopo avere ricevuto la prima educazione presso il seminario di FaenzaFirenza, studia diritto e medicina all'università di Ferrara. Già nel 1775 Monti è ammesso all'[[../Accademia dell'Arcadia|Accademia dell'Arcadia]] e può pubblicare il suo primo libro, ''La visione di Ezechiello''. Tre anni dopo, invitato dal legato pontificio a Ferrara - il cardinale Scipione Borghese - si reca a Roma dove sposa Teresa Pikler, che gli darà due figli: Costanza e Francesco (quest'ultimo morirà tuttavia in tenera età). Nella città eterna lavora al servizio del conte Luigi Braschi Onesti, nipote di papa Pio VI.
 
Stimolato dalle opere di [[../Vittorio Alfieri|Vittorio Alfieri]], Monti inizia a scrivere pezzi teatrali e nel 1785 debutta con grande successo con la tragedia ''Aristodemo''. Nel gennaio 1793 l'inviato francese Hugo Basville è ucciso nella via pubblica dove circolava esibendo il simbolo dei rivoluzionari francesi, la coccarda. Monti riprende l'evento nella celebre ''Cantica in morte di Ugo di Basseville'' (meglio nota come ''Bassvilliana'').
Utente anonimo