Differenze tra le versioni di "Forze armate mondiali dal secondo dopoguerra al XXI secolo/Italia: esercito 61"

m
nessun oggetto della modifica
(ortografia)
m
 
La festa del reggimento si svolge il 23 ottobre, anniversario della battaglia di El Alamein.
 
===17° Rgt. 'Sforzesca' (2002)<ref>Mambriani, Simone: ''Il 17° RGT 'Sforzesca' RID 1/2002'' pagg.64-69</ref>===
In quei tragici tempi era davvero in tema quello della difesa contraerea, con tanto di dichiarazione finale del comandante del reggimento, che non avrebbe esitato a lanciare missili anche contro aerei dirottati con moglie e figli dentro 'per evitare che i terroristi ne generassero altri' (anche se in nessun caso questo avrebbe salvato i suoi familiari). Il 17 Rgt. Sforzesca era un reparto risaltente alla fine dell'800, il 1 novembre 1888 con 8 batterie del 5° Rgt d'artiglieria, che divennero il 17° da campagna, unità usata in Libia e nelle guerre mondiali, nell'ultima delle quali venne usato nell'ambito della divisione 'Sforzesca'. Collezionò medaglie al valore, ma non impedì la disastrosa rotta sul fronte russo. Poi venne ricostituito nel 1947, a Novara, stavolta parte della divisione 'Cremona', nel '53 venne passato alla Difesa Aerea Territoriale o DAT, stavolta come 17° Raggruppamento d'artiglieria. Venne mantenuto a nord, a Lodi, a Ghedi a Savona, come unità da difesa contraerea. Nel '64 divenne 17° Reggimento d'artiglieria contraerei Leggera, a Bologna, ma con i gruppi a Villafranca, Istrana, Lodi e Ghedi. Dopo il 1975 divenne il 17° Rgt Artiglieria C./a 'Sforzesca', poi nel '93 venne sciolto. Proprio così, l'unità originaria non esiste più. In compenso bandiera e denominazione sono stati 'ereditati' dal 2 Gruppo del 121 Rgt Artiglieria C/a di Mestre, diventando quindi il 17° Gruppo artiglieria C/a Leggera. Poi, nel 1995, divenne un reggimento completo, con sezioni di fuoco basate sia sui nuovi lanciamissili Skyguard/Aspide che su cannoni da 40 mm L70 Bofors modernizzati. Ma già nel 1998 questi vennero perduti, e il Rgt venne trasferito dal 1997 a Rimini, caserma Giulio Cesare.