Forze armate mondiali dal secondo dopoguerra al XXI secolo/USA-3: differenze tra le versioni

ortografia
(ortografia)
(ortografia)
Mezzi d'ogni genere continuarono ad affluire nei teatri di guerra, e tale fu la forza che gli USA raggiunsero già nel 1944 (praticamente divennero incontrastabili dal 1943) che si permisero di lanciare due grandi operazioni anfibie quasi in simultanea, con forze del tutto diverse, nelle Marianne e in Normandia.
 
L'esercito americano mobilitò qualcosa come 11 milioni di persone, e anche se molte non videro mai battaglie, non mancarono, per i fini di propaganda, parecchi divi di HolliwoodHollywood, spesso nei reparti d'aviazione. Del resto John Ford perse un occhio mentre stava girando un documentario di guerra. John Wayne, rimasto in patria, ebbe allora una vera esplosione della sua popolarità: con quasi tutti gli altri al fronte, da James Stewart a Clark Gable, lui divenne ancora più importante di loro, diventando la star dei film bellici di propaganda che erano ben più importanti degli articoli di giornale che descrivevano le gesta delle 'star' al fronte.
 
Inoltre, all'epoca c'era anche un'altra risorsa dell'US Army: la sua aviazione, ovvero l'USAAF, ancora non indipendente nominalmente: ma quando iniziò a operare con azioni strategiche come quelle sulla Germania, di fatto pose le condizioni per una piena indipendenza dall'US Army.
2 049

contributi