Software libero a scuola/La nostra storia: differenze tra le versioni

m
nessun oggetto della modifica
m (Bot: rimuove file inesistenti)
mNessun oggetto della modifica
<span style="display: block; text-align: justify;"><span style="color: #000000; font-family: Arial;">Nel mese di Febbraio iniziano i primi incontri informali nelle scuole della Provincia di Trento. Alcuni Dirigenti mostrano interesse per il progetto e il gruppo di lavoro studia all'interno di ogni istituto, le possibili soluzioni di realizzazione, dalla sistemazione in aula alla superficie di proiezioni. Lo studio del singolo contesto diventa un elemento di fondamentale importanza per arrivare, in seguito, alla standardizzazione e stabilità dell'intero sistema.</span></span>
<span style="display: block; text-align: justify;"><span style="color: #000000; font-family: Arial;">Il 26-27 marzo 2010 il gruppo partecipa a "Didattica Aperta", convegno sui sistemi aperti della didattica, a Verona, dove ottiene un grande successo. Iniziano così una nuova serie di collaborazioni con Stefano del Furia , lo sviluppatore di Sharpboard , Roberto Bondi del gruppo Wiidea di Bologna, Claudio Capitanio, gestore dell'azienda Proteons e Luca Menini, dell' Italian Linux Society.</span></span>
<span style="display: block; text-align: justify;"><span style="color: #000000; font-family: Arial;">Sarà proprio Luca Menini ha proporre di attivare un'azione dei LUG di tutta Italia per "adottare una WiiLD" durante i Linuxday del prossimo 23 Ottobre. Sarà un giorno in cui i LUG si faranno carico di acquistare e allestire una wiild in un'aula di una scuola.</span><span style="color: #000000; font-family: Arial; font-size: 16px;">[https:''sites.google.com/site/wii4dida/wiild-tesi/capitolo-iv#_ftn3|[3]]]</span><span style="color: #000000; font-family: Arial;"> Nasce il sito dedicato alla Wiild<span style="color: #000000; font-family: Arial; font-size: 16px;">[[https:''sites.google.com/site/wii4dida/wiild-tesi/capitolo-iv#_ftn4 [4]]</span> e nel mese di marzo il progetto viene istituzionalizzato e formalizzato con l'incontro ufficiale al Palazzo dell'Istruzione a Trento. L'incontro mira a presentare il progetto nel dettaglio con particolare attenzione all’ambiente virtuale di condivisione sia dei materiali, sia delle esperienze.</span></span>
 
----