Differenze tra le versioni di "Torah per sempre/Joseph Dov Soloveitchik e la Torah a priori"

Removing SoloveitchikJB.jpg, it has been deleted from Commons by P199 because: per c:Commons:Deletion requests/File:SoloveitchikJB.jpg.
(capitolo completato)
(Removing SoloveitchikJB.jpg, it has been deleted from Commons by P199 because: per c:Commons:Deletion requests/File:SoloveitchikJB.jpg.)
{{Torah per sempre}}
[[File:SoloveitchikJB.jpg|left|250px|יוסף דב הלוי סולובייצ׳יק Yosef Dov ha-Levi Soloveychik]] Nato in [[w:Pružany|Pruzhany]], Bielorussia (a quel tempo sotto l'Impero russo), in una importante famiglia di rabbini ''mitnaged'',<ref>''Mitnaged'' "opponente" è un termine applicato dai chassidim agli ebrei tradizionali che rifiutano i loro insegnamenti.</ref> [[w:Joseph Soloveitchik|Joseph Dov Soloveitchik]] (1903-1993)<ref>Viene spesso chiamato "Joseph Ber", la forma yiddish di "Joseph Dov", e le sue iniziali riportate come J. B. invece di J. D.</ref> studiò il Talmud con suo padre, Moshe Soloveitchik. Ci furono anche altre influenze; era attratto dal calore della preghiera chassidica e sua madre gli leggeva Ibsen, Pushkin, Lermontov e Bialik. Quando se ne andò a Berlino a studiare nel 1924, aveva imparato la dialettica talmudica, con un'infarinatura di chassidismo nonostante la forte tradizione ''mitnaged'' della famiglia, e fatti i primi passi nella cultura generale europea. I suoi insegnanti a Berlino inclusero Tonya Lewit, che sposò; tra i suoi amici ci fu [[:en:w:Alexander Altmann|Alexander Altmann]], con cui studiò gli scritti di Hermann Cohen, Edmund Husserl e [[w:Max Scheler|Max Scheler]]. Parte della ricca diversità della vita culturale ebraica che incontrò nella Germania Weimar è rivelata nelle memorie di [[w:Gershom Scholem|Gershom Scholem]],<ref>Scholem, ''From Berlin to Jerusalem''; ''id.'', ''Walter Benjamin''.</ref> [[:en:w:Hillel Goldberg|Hillel Goldberg]]<ref>Goldberg, ''Between Berlin and Slobodka''.</ref> e altri contemporanei che influenzarono profondamente l'ebraismo del tardo ventesimo secolo.
 
Soloveitchik lasciò la Germania e si stabilì negli Stati Uniti nel 1931 dopo aver presentato la sua tesi dottorale sull'epistemologia di Hermann Cohen alla facoltà di filosofia dell'Università Friedrich-Wilhelms a Berlino.<ref>Il titolo della tesi è "Das reine Denken und die Seinskonstituierung bei Hermann Cohen".</ref> Dopo la morte di suo padre nel 1941, insegnò Talmud alla Yeshiva University di New York. Insegnò Halakhah, scrisse di filosofia e sviluppò un stile omiletico stimolante, maggiormente evidente nelle sue eulogie e nelle lezioni tenute annualmente per l'anniversario della morte del padre.