Differenze tra le versioni di "Laboratorio di chimica in casa/Solfato di idrazonio"

stesura solfato di idrazonio
(Nuova pagina: {{Sostanze organiche artigianali}}{{Avanzamento|5%|19 giugno 2020}} ==Proprietà== ==Storia== ==Usi== ==Sintesi==)
 
(stesura solfato di idrazonio)
{{Sostanze organiche artigianali}}{{Avanzamento|5%|19 giugno 2020}}
==Proprietà==
[[File:Hydrazinium sulfate V.1.svg|miniatura|220x220px|solfato di idrazonio]]
Il solfato di idrazonio è un sale dell'idrazina, a temperatura ambiente è un solido bianco solubile in acqua. Ha molti usi nei laboratori di chimica sia in ambito analitico che sintetico, è una fonte sicura di idrazina in quanto non volatile, meno suscettibile all'ossidazione e non infiammabile. In soluzione acquosa presenta un pH leggermente acido.
 
==Storia==
 
==Usi e reattività==
[[File:Azine formation.png|miniatura|136x136px|sintesi di azine]]
[[File:Idrazina1.png|miniatura|151x151px|sintesi dell'idrazone]]
Il solfato di idrazonio è un forte riducente, può ridurre soluzioni di [[Laboratorio di chimica in casa/Rame|rame]],[[Laboratorio di chimica in casa/argento|argento]],[[Laboratorio di chimica in casa/oro|oro]] e [[Laboratorio di chimica in casa/platino|platino]] allo stato metallico perciò viene impiegato per l'analisi di minerali e scorie<ref>Lewis, R.J., Sr (Ed.). Hawley's Condensed Chemical Dictionary. 12th ed. New York, NY: Van Nostrand Rheinhold Co., 1993, p. 611</ref>.
 
Si utilizza come standard primario per la titolazione dell'[[Laboratorio di chimica in casa/Idrossido di sodio|idrossido di sodio]], per la determinazione gravimetrica di nichel, cobalto e cadmio.
 
Viene impiegato anche come agente antimuffa e antifungino e per la preparazione dell'idrazina bi-idrata.<ref>O'Neil, M.J. (ed.). The Merck Index - An Encyclopedia of Chemicals, Drugs, and Biologicals. 13th Edition, Whitehouse Station, NJ: Merck and Co., Inc., 2001., p. 852</ref>
 
L'idrazina è un nucleofilo perciò presenta le principali reazioni organiche come l'attacco al carbonile e la conseguente sintesi di azine e idrazoni.
 
==Sintesi==
Può essere sintetizzato facendo reagire l'idrazina con acido solforico ottenendo sia il bisolfato di idrazonio che il solfato a seconda dei rapporti stechiometrici.
[[File:Solfato acido d'idrazina.png|miniatura|279x279px|Sintesi del solfato di idrazonio]]
Una sintesi più economica e impiegata industrialmente sfrutta la reazione tra urea, ipoclorito di sodio, idrossido di sodio e acido solforico<ref>http://www.sciencemadness.org/member_publications/hydrazine_sulfate_ketazine.pdf</ref> e si basa sul riarrangiamento di Hoffmann:
[[File:Hoffmann rearrangement mechanism.png|miniatura|277x277px|riarrangiamento di Hoffmann]]
in una soluzione basica di ipoclorito di sodio al 5% e soda caustica 6% ad 8°C si aggiunge una soluzione di urea al 5%. L'aggiunta deve essere rapida in quanto un si eviterà la perdita dell'idrazina altamente volatile, la reazione produrrà una quantità di anidride carbonica che si manifesterà con una effervescenza non immediata della soluzione. Cessata l'effervescenza si riscalda la soluzione a 85°C per 5 minuti a riflusso per spostare l'equilibrio verso i prodotti e successivamente si raffredda a 0°C. Si procede infine con l'aggiunta di acido solforico 50% neutralizzando la soluzione e tenendo la temperatura compresa tra 15° e i 20°C;si otterrà un precipitato bianco di solfato di idrazonio e tracce di solfato di sodio che verranno filtrati ed essiccati.
 
Per purificare il prodotto si può procedere con una ricristallizzazione.
<br />
 
== Note ==
<references />
99

contributi