Le strutture basilari del pensiero ebraico/Analisi degli esempi storici: differenze tra le versioni

testo
(testo)
(testo)
[[:en:w:David Nieto|David Nieto]] nacque a [[w:Venezia|Venezia]] il 29 di [[w:Tevet|Tevet]] 5414 (18 gennaio 1654). Morì nella stessa data ebraica dell'anno 5488 (1728), a 74 anni. Studiò teologia e medicina all'[[w:Università degli Studi di Padova|Università di Padova]]<ref>Petuchowski, p. 14.</ref> e a [[w:Livorno|Livorno]] venne nominato dalla congregazione ebraica nella doppia veste di predicatore e medico.<ref>Gaster, p. 102.</ref>
A quel tempo, c'era una relazione attiva tra la comunità ebraica spagnola e portoghese a Londra e la congregazione di Livorno. La congregazione di Londra invitò Nieto ad assumere la posizione di ''[[:en:w:Hakham|Hakham]]'', o [[w:Rabbino capo|Rabbino Capo]] della comunità in una lettera indirizzata a lui il 4 [[w:Sivan|Sivan]], 5461 (1701). Nieto accettò l'incarico e si trasferì a Londra alla fine del mese di [[w:Elul|Elul]] del 5461 (3 mesi dopo aver ricevuto la lettera). Il Mahamad, o Consiglio, fece tutto ciò che era in suo potere per assicurarsi che il nuovo rabbino della congregazione fosse a suo agio e confortevole. Tuttavia, stabilirono che nella sua nuova capacità non gli era permesso praticare la medicina.<ref>Gaster, p. 102.</ref>
 
Nieto, tuttavia, si trovò al timone di una comunità ebraica a Londra che mancava di tradizione e di chiara conoscenza della legge e della pratica ebraica classica e normativa. Questi erano ebrei spagnoli e portoghesi che in passato erano stati costretti a praticare il loro ebraismo in condizioni clandestine sotto la minaccia mortale delle inquisizioni spagnole e portoghesi.<ref>Petuchowski, p.33.</ref> Nieto dovette affrontare una sfida formidabile. La sua congregazione era essenzialmente a una generazione di distanza dai [[w:marrano|cattolici marrani]]!
 
Affinché il suo ruolo avesse successo e assicurasse un futuro fecondo alla sua comunità, Nieto doveva assolutamente affrontare le idee sbagliate nell'ebraismo sostenute dalla sua congregazione e guidare i fedeli verso le pratiche e le credenze normative ebraiche che contenevano non solo la Bibbia, ma anche le opere rabbiniche di Mishna e Talmud, insieme alle opere legali e filosofiche canoniche di studiosi del calibro di Maimonide e Joseph Karo.
 
[[:en:w:Jakob Josef Petuchowski|Jakob J. Petuchowski]] (p. 33) presenta il problema nei seguenti termini:
{{q|Quei ''Marranos''... che erano disposti a rinunciare a tutti i loro averi e a rischiare la vita stessa, perché si sentivano in dovere di obbedire alla Legge di Mosè che era stata data da Dio stesso, si aspettavano che la vita ebraica in Olanda o in Italia si conformasse al modello di quella Legge di Mosè che, nel suo senso strettamente letterale, aveva significato così tanto per loro. Immaginarsi, quindi, la loro sorpresa quando, al posto del "Mosaismo" che si aspettavano di trovare, si confrontarono invece con un ''[[w:Rabbinismo|Rabbinismo]]... Ma prima o poi questa sorpresa dovette lasciare il posto a un preciso piano d'azione. Si sarebbero adeguati al modello dell'ebraismo rabbinico oppure no?''}}
Non solo i ''Marranos'' erano stati privati della tradizione ebraica per oltre cento anni, in quel periodo avevano accettato (esternamente) una tradizione cristiana. Rinunciarla non sarebbe stato un compito facile e presentava i suoi problemi. Una volta disfatta una tradizione, tutte le tradizione rimangono ugualmente vulnerabili.<ref>Petuchowski, p. 34.</ref>
 
 
<div style="height: 150px; overflow: auto; padding: 3px; border:1px solid #AAAAAA; reflist4" ><references/></div>
 
{{Avanzamento|75%|2511 maggiogiugno 2020}}
[[Categoria:Le strutture basilari del pensiero ebraico|Analisi degli esempi storici]]
13 222

contributi