Guida alle costellazioni - Regioni celesti scelte/Lo Scorpione meridionale: differenze tra le versioni

nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
Nelle foto a grande campo si può notare che questo sistema sia connesso ad altre grandi nebulose, come la '''NGC 6357''', soprannominata '''''Aragosta''''' o anche '''''Guerra e Pace'''''. Questa nebulosa si estende per oltre un grado e, sebbene non sia visibile con strumenti amatoriali di modesta apertura, ricorda per certi versi l'aspetto della Nebulosa di Orione capovolta. NGC 6357 è una grande regione H II a forma di anello situata all'interno del Braccio del Sagittario; trovandosi a circa 5700 anni luce di distanza, si trova poche centinaia di anni luce in primo piano rispetto alla grande Regione di Scorpius OB1. I gas della nube ricevono la radiazione di un gran numero di stelle giovani e calde, gran parte delle quali facenti parte dell'ammasso aperto Pismis 24; quest'oggetto è costituito da diverse stelle massicce di classe spettrale O e B, fra le quali Pismis 24-1, prima ritenuta la stella più massiccia conosciuta ed ora osservata come composta da tre stelle comunque comprese tra le più massicce. A questa si aggiungono alcuni sistemi multipli, come quello di HD 319718, costituito da stelle di classe O, e di W93, dove la primaria è una stella di Wolf-Rayet. In aggiunta a queste, vi sono tre stelle di classe spettrale B esterne all'ammasso che concorrerebbero alla ionizzazione della nebulosa. Nei pressi di NGC 6357 si estende l'associazione Scorpius OB4, un'associazione OB costituita da 71 stelle con classi spettrali comprese fra O e B9 posta alla distanza media di 4600 anni luce. Le componenti di classe O mostrano una distribuzione uniforme senza apparenti concentrazioni.
 
Poco ad est di questa nebulosa, incorniciato da un triangolo di stelle di magnitudine 6, si trova l’ammasso aperto '''Cr 333''', di cui pochissime informazioni vi si trovano in letteratura; le sue componenti principali sono di magnitudine 10. Può essere notato come un leggero addensamento stellare in una regione già molto ricca di stelle di fondo.
 
Un'altra grande nebulosa, sebbene molto meno marcata e contrastata, è '''RCW 132''', nota anche come '''Sh2-12''' (sebbene sia quest’ultima la designazione da preferire, è più nota con la sigla RCW). Si trova nella parte centro-meridionale della costellazione, a breve distanza angolare dal brillante ammasso aperto M6; si estende per circa due gradi in una regione molto ricca di campi stellari. RCW 132 è una grande regione H II situata sul Braccio del Sagittario alla distanza di circa 5540 anni luce; la responsabile della sua ionizzazione sarebbe HD 159176, un sistema stellare binario composto da due stelle blu di sequenza principale con classe spettrale O7V situato all'interno dell'ammasso aperto NGC 6374, cui RCW 132 appare fisicamente associata. Secondo alcuni studi, la nube apparterrebbe a una grande regione di formazione stellare comprendente tre sorgenti di radiazione infrarossa, fra le quali due individuate dall'IRAS. La sorgente più cospicua è IRAS 17302-3245, che coincide con una regione di gas ionizzato che presenta emissioni nella banda dell'infrarosso. Se si accetta come valida questa distanza, la nebulosa verrebbe a trovarsi nella medesima regione della già citata associazione Scorpius OB4. Altri studi, tuttavia, stimano la distanza di Sh2-12 attorno ai 985 parsec (circa 3210 anni luce), dunque in primo piano rispetto a Scorpius OB4 e sul bordo esterno del Braccio del Sagittario. Le medesime stime indicano una distanza inferiore anche per l'ammasso NGC 6383, che quindi dovrebbe trovarsi slegato dall'associazione OB.