Differenze tra le versioni di "Guida alle costellazioni - Regioni celesti scelte/La Testa dello Scorpione"

nessun oggetto della modifica
(n)
 
==Caratteristiche==
 
Il gruppo di stelle che forma la testa dello Scorpione è dominato dalla brillante stella Antares, che con la sua magnitudine pari a 1,07 è una delle più brillanti del cielo ed è visibile anche dalle aree urbane. Antares è inoltre accompagnata dalda alcune stelle di magnitudine 2, giovani e azzurre, che dominano su uno sfondo ricco di stelle più deboli.
 
Fra queste stelle si estendono grandi sistemi di nebulose; il gruppo di stelle occidentale, in particolare, è immerso in un intricato complesso di nebulose a riflessione molto ben evidenti nelle fotografie, i cui gas sono illuminati dalle stesse stelle che formano il brillante allineamento β-δ-π Scorpii.
In aggiunta alle stelle di grande massa, sono state scoperte alcune centinaia di stelle di piccola e media massa, nonché alcune stelle T Tauri; alcune di queste stelle tuttavia non sono legate fisicamente all'associazione, ma fanno parte della regione di formazione stellare di Rho Ophiuchi. Fra le stelle di piccola massa, molte potrebbero essere delle nane brune: la loro massa infatti è compresa fra 0,3 e 0,007 masse solari e una dozzina di queste possiede una massa pari o inferiore alle 15 masse gioviane.
 
Attorno a questo gruppo sono presenti diversi veli nebulosi, osservabili in particolare nel settore sudoccidentale e noti come Sh2-1 e Sh2-7, più diverse nubi a riflessione situatisituate nella regione più settentrionale; la loro visibilità è data dalla vicinanza delle stelle azzurre e massicce, che li illumina facendo loro assumere una colorazione azzurrognola.
 
==Nebulose e riflessione==
Il lato settentrionale di IC 4592 appare meno illuminato e sfuma gradualmente verso un sistema di nubi scarsamente illuminate, evidenti come una sorta di “fumo” grigio, un aspetto tipico della Integrated Flux Nebula e di altri sistemi non illuminati; questo sistema è stato individuato anche dal Barnard, che l’ha inserito nel suo catalogo e oggi porta la denominazione '''B40'''. Il lato orientale ha invece ricevuto una designazione a parte ed è noto come '''B41'''.
 
A sudest, adiacente a IC 4592 e in continuità con questa, si trovano i bozzoli gassosi illuminati da un gruppetto di stelle di magnitudine 7,. Benché si tratti dello stesso sistema nebuloso, questi bozzoli hanno ricevuto una denominazione a parte; in particolare, il più cospicuo è '''IC 4601''', che riceve la luce della stella HD 147010, una gigante blu variabile α2 Canum Venaticorum con una magnitudine media attorno a 7,40; la massa gassosa più prossima a questa stella è catalogata indipendentemente con la sigla '''vdB 102'''. Altre stelle che concorrono all'illuminazione della nube sono HD 147013, una stella binaria con componenti di magnitudine 7,5 e 8,4.
 
Le stelle responsabili dell'illuminazione di '''vdB 102''' sono note con le sigle HD 147009 e HD 147010. La prima è la meno luminosa, essendo di magnitudine 8,06; si tratta di una stella bianca di sequenza principale. La seconda è invece la più luminosa; si tratta di una gigante blu di classe spettrale B9III di magnitudine 7,40, che è anche una variabile α2 Canum Venaticorum con oscillazioni minime, dell'ordine di 0,045 magnitudini; la sua sigla di stella variabile è V933 Scorpii.