Le strutture basilari del pensiero ebraico/Analisi degli esempi storici: differenze tra le versioni

testo
(testo)
(testo)
Maimonide visse tutta la sua vita nella civiltà musulmana.<ref>Kraemer, 2008, p. 2.</ref> Tuttavia, vi furono differenze negli approcci musulmani alla società e alla cultura. Mentre esistevano tribù che credevano in un approccio più tollerante alla religione nei confronti dei non-musulmani, altri non erano così tolleranti. Gli [[w:Almohadi|Almohadi]] che praticavano e imponevano una versione radicale dell'Islam, principalmente basata sul rafforzamento della credenza nell'unità assoluta di Dio, non avevano alcuna propensione per il compromesso e alla fine ottennero il controllo del Nord Africa e dell'Andalusia. La loro regola demolì i grandi progressi culturali e accademici ebraici che erano stati sviluppati in Andalusia e che avevano permesso agli ebrei spagnoli di prosperare nel decimo e undicesimo secolo.
 
Di conseguenza la famiglia di Maimonide si trovò scacciata da casa propria e in cerca di rifugio. Vagarono verso sud fino a [[w:Fès|Fez, in Marocco]]. L'anno esatto in cui lasciarono la Spagna non è chiaro, ma Maimonide era già diventato un grande studioso erudito quando lasciò la Spagna.<ref>Halbertal, 2014, p. 18.</ref> La famiglia trascorse cinque anni a Fez, tuttavia non fu liberolibera dalla spietata regola degli Almohadi e causò il proseguimento della famiglia di Maimonide verso altre mete più ospitali. Viaggiarono verso est fino ad [[w:Acri (Israele)|Acri]], vivendo lì per un anno e infine si stabilirono in Egitto per gli ultimi trentotto anni della sua vita.
 
I crolli della società che Maimonide attraversò all'inizio della sua vita, in particolare il disfacimento dell'Andalusia e della sua eminenza come venerata e potente fonte della [[w:Halakhah|Legge]] e del pensiero ebraici influenzarono il suo desiderio di correggere queste crisi in vari modi durante la sua vita.<ref>Halbertal, 2014, pp. 1, 23.</ref> Descrisse i suoi sentimenti nell'anno 1172, circa venti anni dopo aver lasciato la Spagna, nella sua ''Lettera a Yemen (Igeret Teiman)'' come segue:<ref>Sheilat, 1995, p. 116.</ref>
Maimonide considerava la perdita più grave del crollo quella essenzialmente educativa.
{{q|Quanto a voi stessi, miei stimati amici, siate sicuri e forti di cuore! Perché, ahimè, sono costretto a informarvi che ai nostri giorni le persone della vostra comunità e solo alcune delle comunità vicine sono le sole a sollevare lo stendardo di Mosè e ad impegnarsi nello studio del Talmud e nella ricerca della saggezza... in altre comunità in Oriente, lo studio della Torah è cessato...<ref>Citato in Halbertal, 2014, p. 10.</ref>}}
Di conseguenza, diversi aspetti della società vacillarono e contribuirono alla devastazione. Un problema erano i difetti nello studio e nell'erudizione dei leader, i capi delle comunità. Le [[w:Yeshivah|yeshivah]] un tempo prominenti di Babilonia, dimora dei grandi ''[[w:Gaon|Geonim]]'' che avevano dominato il mondo ebraico dall'ottavo all'undicesimo secolo, si stavano deteriorando in termini di qualità e statura.<ref>Halbertal, 2014, p. 19.</ref> I capi religiosi altrove in Oriente stavano allontanando i rispettivi fedeli dalle leggi e da comportamenti appropriati. Maimonide non rimase inattivo quando tali casi giunsero alla sua attenzione. Uno di questi casi portò alla stesura della sua "Epistola sul martirio" in cui scrive: "E ora inizierò a spiegare l'entità dell'errore su cui questa persona pietosa ha fallito..."<ref>Maimonide, ''Igerot (Lettere)'', p. 109. Ulteriori problemi correlati sono discussi nell'[[Le strutture basilari del pensiero ebraico/Appendice II|Appendice II]].</ref>
 
Maimonide cercò di cambiare e rettificare tutto ciò educando le masse. Egli credeva che, rendendo la Torah disponibile a tutti in modo chiaro, ordinato e conciso, avrebbe potuto influire sulle perturbazioni a cui stava assistendo e garantire un solido futuro al popolo ebraico. Il suo più grande tentativo in tal senso fu la ''[[Mishneh Torah]]''. Tuttavia, tutte le opere di Maimonide, ''[[w:Pirush Hamishnayot|Il Commentario alla Mishnah (Pirush Hamishnayot)]]'' e ''[[La guidaGuida dei perplessi|La guida dei perplessi (Moreh Nevukhim)]]'' cercarono di influenzare il reale cambiamento nel modo in cui le persone comprendevano e studiavano la Torah, impegnandosi così nel proprio ebraismo e nella loro relazione con Dio. Anche le epistole e le lettere che ci sono pervenute, mirano tutte a contribuire a correggere le crisi sociali.
 
Esamineremo direttamente queste opere e mostreremo che erano effettivamente mirate a tale obiettivo, ma ci sono altri elementi negli scritti di Maimonide che dimostrano come egli considerasse la coesione e la funzione sociali come un obiettivo divino. Uno di questi esempi è che vide la profezia come radicata in questo scopo. Nel ''Moreh Nevukhim'' presenta vari livelli di profezia. Il livello più basso è identificato dal desiderio incessante di aiutare le persone e/o la società:
{{q|L'inizio dei gradi di profezia è che una persona è onorata da aiuto divino che lo muove e lo incoraggia a fare del grande e prezioso bene, come salvare un gruppo di persone pie dai malfattori o influenzare molte persone per il loro bene.<ref>Maimonide, {{en}} ''Guida'', p. 263.</ref>}}
Maimonide credeva che il modo in cui questa ricostruzione doveva essere realizzata fosse attraverso l'educazione e che fosse fatto in un modo che insegnasse strutture piuttosto che solo dati. In tutte le sue opere questo fu il suo principio guida.
 
Il primo tentativo di Maimonide di offrire una presentazione chiara e lucida del ''corpus'' della legge e del pensiero ebraici fu nella sua prima grande opera, il ''Commentario alla Mishnah''. Il fatto che abbia usato la ''[[w:Mishnah|Mishnah]]'' come base per questo lavoro, impostando così la ''Mishnah'' come testo da studiare da solo, fu anche dovuto alla sua educazione spagnola.<ref>Halbertal, 2014, p. 97.</ref> Maimonide cercò di creare un'opera fondata sul codice del rabbino [[w:Giuda il Principe|Giuda il Principe]] poiché presentava in forma sintetica il nucleo di tutte le aree della [[w:Talmud|Legge Orale]]. Nel ''Commentario'' presentò le opinioni della ''Mishnah'' considerate legge e facilitandola anche con un riassunto dei punti chiave presentati nel Talmud per il novizio, nonché una revisione sufficiente per il dotto studioso talmudico.<ref>Maimonide, {{en}}''Mishna with Commentary of Rambam'', 1995, VIII Ediz., Mossad HaRav Kook, p. 26.</ref>
 
Forse la maggior parte del suo desiderio di presentare principi e strutture di pensiero, nonché di presentare i dati all'interno di tali strutture sono le sue più note introduzioni lungo tutto il ''Commentario''. L'introduzione principale, così come le introduzioni a vari trattati e capitoli, presentano sistematicamente principi su questioni come le origini, lo sviluppo e il processo della Legge Orale, i principali canoni della fede ebraica, il modo in cui ci relazioniamo all'esegesi biblica rabbinica, il principi alla base della purezza e impurità spirituali, e gli ideali fondamentali riguardo alla nostra crescita e sviluppo morale come esseri umani nella società.<ref>Shelat, 1995, pp. 212-213; Halbertal, pp. 134-163.</ref>
 
 
13 050

contributi