Guida alle costellazioni/La regione del Centauro/Triangolo Australe: differenze tra le versioni

m
Bot: corregge errori ortografici comuni
m (Bot: corregge errori di Lint)
m (Bot: corregge errori ortografici comuni)
 
Fra le poche doppie di facile risoluzione, la più semplice è la '''T Trianguli Australis''', una stella di sesta magnitudine variabile che mostra una compagna di decima separata da oltre 40".
 
'''HD 140483''' è formata da due componenti entrambe di sesta grandezza, ma con una separazione inferiore ai 2" e dunque risolvibile solo con un telescopio di almeno 80 o 100mm100 mm di diametro.
 
Un’altraUn'altra doppia interessante è quella di '''ι Trianguli Australis''', dove la primaria, di magnitudine 5,3, è separata da una stellina di decima grandezza da circa 20”.
 
<div style="clear:both"></div>
Fra queste la più luminosa è la '''S Trianguli Australis''', che quando è al massimo è visibile anche ad occhio nudo nelle notti più serene; il periodo di variazione è di circa 6 giorni. R Trianguli Australis è un'altra stella facile da osservare, anche se di poco meno luminosa; il suo ciclo è di poco più di 3 giorni. Meno brillante è la '''U Trianguli Australis''', sebbene le sue escursioni di una magnitudine esatta la rendano facilmente distinguibile nel corso di due notti.
 
All’interno della costellazione sono state osservate alcune novae, anche se molto deboli. Nel 1978 si osservò la stella '''EK Trianguli Australis''', una nana bianca che strappa materia da una stella compagna ed è quindi circondata da un disco di accrescimento; periodicamente la nana può subire delle violente esplosioni, così il sistema passa dalla normale magnitudine 16 fino a raggiungere la 11. Nel 2008 si è osservata un’altraun'altra nova, che ha raggiunto la magnitudine 8,4.
 
<div style="clear:both"></div>
9 045

contributi