Carmina (Catullo)/24: differenze tra le versioni

==Sintesi della poesia==
{{...}}
Catullo in questa poesia si rivolge all'uomo amato, Giovenzio. Lo rimprovera per essersi concesso ad un altro uomo, per di più povero. Confessa che avrebbe preferito che egli donasse le ricchezze di Mida a costui, piuttosto che concedersi al suo amore. Gli rammenta che per quanto possa minimizzare qusto fatto, tale uomo rimarrà sempre e comunque povero nonostante il bell'aspetto.
 
==Il tema==
Utente anonimo