Differenze tra le versioni di "Forze armate mondiali dal secondo dopoguerra al XXI secolo/Francia-5"

Corretto: "subacqueo"
m (Bot: Correggo errori comuni (tramite La lista degli errori comuni V 1.1))
(Corretto: "subacqueo")
Il sistema di combattimento vede anzitutto un apparato da difesa aerea completo. Similmente ai caccia antiaerei italiani sono presenti 2 radar SPG-51 per l'illuminazione dei missili SAM SM-1MR, ma differentemente dai caccia italiani come gli 'Audace' o i de la Penne', veri equivalenti in cronologia dei 'Cassard', non solo il radar bidimensionale a lungo raggio, ma anche quello a medio raggio 3D sono nazionali. Il DRBV-26 nella nuova versione C lavora in banda L con emissione di 2.5 kW. È chiamato Jupiter, delle Thomson-CSF, ed è sistemato a prua, sopra la plancia. A mezza nave vi è invece il DRBJ-11B in banda E/F, con scanning in azimouth meccanico e in elevazione di tipo elettronico. L'antenna circolare è inclinata di 15 gradi, anche se inizialmente, data la sua indisponibilità, era presente un DRBV-15, presto sostituito. Un sistema IR Vampyr è sistemato sopra il torrione quadripode a traliccio. La sua sigla è precisamente DIVB-1A, e esegue uno scanning passivo sull'orizzonte alla ricerca di missili e aerei a bassa quota, in teoria anche oltre l'orizzonte grazie alla colonna di calore del motore. Un radar di tiro anteriore è presente per il controllo del tiro, un DRBC-33, in banda I con una telecamera e un IRST a immagine IR chiamato Piranha. 2 radar Decca 1229 di navigazione sono usati anche per la scoperta in superficie, utilizzati uno sul quadripode, sotto il IRST, l'altro sopra l'hangar (anche per controllo degli elicotteri).
 
La principale zona elettronica è quella a mezzanave, letteralmente devota ai sensori di scoperta, ECM e comunicazione: qui svetta la cupola protettiva del radar tridimensionale, davanti vi sono i due SATCOM, e appena oltre questi, le mensole del disturbatore ARBB-33 (in posizione estremamente delicata, dato che vi sono alte probabilità d'interferenza tra le comunicazioni e le ECM, vedi la perdita dell'HMS Sheffield). Dietro vi sono le due AN/SPG-51C e dietro ancora un radar Decca. E per i sonar, vi sono un DUBA-25A chiamato anches semplicemente Tarpon, a media frequenza (7 kHz), e nonostante questo, pesante ben 16 tonnellate (con i sonar non è facile fare miniaturizzazioni decisive), usato anche per le A-69. Il trasdutturetrasduttore, di forma cilindrica, è stabilizzato in rollio con modulatore di frequenza da 36 fasci sonori per una potenza di 36 kVA. Nonostante tutto, è più che altro un sistema d'autodifesa. Vi sono anche un telefono subaqueosubacqueo TUUM-2D, uno scandaglio NUBS-8A, batitermografo SSQ-60A, antisiluro Nixie.
 
Come ECM vi sono ben 4 lanciarazzi per decoys IR e radar, siti giusto dietro la plancia. Questi sono due lanciarazzi 'Sagaie' e due 'Dagaie', sistema ESM ARBR-17 in banda C/J capace di controllare fino a 40 radar di cui 15 analizzabili in simultanea. Il Telegon 10 si occupa invece delle telecomunicazioni ed ELINT, mentre il disturbatore elettronico è l'ARBB-33, schermato per evitare interferenze con i Syracuse (ma forse era l'unico punto dove utilizzarli data la presenza dei radar), e opera in banda H, I e J. Ultima evoluzione della serie 32 dei C70, può disturbare 4 emittenti su 360 gradi.
Utente anonimo