Differenze tra le versioni di "Storia della letteratura italiana/Tra realismo e sperimentazione"

m
nessun oggetto della modifica
(+Sciascia +modifiche minori)
m
Nel 1971 pubblica ''Il contesto'', un romanzo ambientato in un paese immaginario, nel quale un ispettore di polizia viene ucciso dai servizi segreti dopo aver intravisto le losche trame che legano la criminalità organizzata alla politica. Sciascia dimostra qui uno sguardo lucido e acuto sulla vita politica italiana negli anni della strategia della tensione. Questa prospettiva ritorna anche nel successivo ''Todo modo'' (1974), in cui dà un'immagine negativa e pessimistica della società italiana, analizzando l'anatomia del potere democristiano. Il fatto che in questi romanzi, pur essendo formalmente dei gialli, non vengano rivelati alla fine i colpevoli è un ulteriore indizio del pessimismo dell'autore, ormai consapevole dell'impossibilità che la verità e la ragione si affermino. In ''Candido, ovvero un sogno fatto in Sicilia'' (1977), prendendo a modello il romanzo illuminista di Voltaire, Sciascia parla dei suoi complessi rapporti con il PCI e racconta delle difficoltà di un giovane di fronte alle ottusità del sistema sociale. Lo scrittore ricorre alla struttura del giallo anche nelle ultime sue opere narrative, ''Porte aperte'' (1978) e ''Una storia semplice'' (1989).
 
Il medesimo rigore razionale dei romanzi si ritrova anche nei saggi. In Sciascia narrativa e saggistica si intrecciano, la finzione e i modelli letterari hanno sempre avuto lo scopo di rivelare la realtà presente.<ref>{{cita libro | Giulio | Ferroni | Profilo storico della letteratura italiana | 2001 | Einaudi | Torino | p=1085 }}</ref> Nella sua produzione lo scrittore siciliano si interessao di letteratura (''La corda pazza'', 1970), storia (''La morte dell'inquisitore'', 1967), collegamenti tra politica e terrorismo (''L'affaire Moro'', 1979), fatti di cronaca (''La scomparsa di Majorana'', 1975; ''I pugnalatori'', 1976; ''1912+1'', 1986).<ref>{{cita libro | autore1=Guido Baldi | autore2=Silvia Giusso | autore3=Mario Razetti | autore4=Giuseppe Zaccaria | titolo=La narrativa del Novecento | opera=Moduli di letteratura | anno=2002 | editore=Paravia | città=Torino | p=251 }}</ref>
 
== Altri narratori del dopoguerra ==