Differenze tra le versioni di "Esperanto/Alfabeto e pronuncia"

m
correzione tag spaiati
m (correzione tag spaiati)
==Esempi comparativi di lettura==
===Pronuncia: parole===
Le parole seguenti non sono parole dell'esperanto, se non per casualità. Esse sono parole italiane trascritte anche con l'alfabeto esperantista, così da confrontare i due alfabeti. Eccetto i monosillabi, sono state scelte appositamente parole con l'accento sulla penultima sillaba (che in esperanto è caratterizzata sempre da una vocale). Si noti la differenza tra la ''"u"'' e la ''"ŭ"'', e tra la ''"i"'' e la ''"j"'' in esperanto (una volta si faceva tale distinzione in italiano, e qualche scrittore ha scritto Jacopo, noja…).<br>L'esercizio consiste semplicemente nel leggere e confrontare le due scritture, per abituarsi al suono insolito (per gli italiani) associato ad alcune lettere.
 
L'esercizio consiste semplicemente nel leggere e confrontare le due scritture, per abituarsi al suono insolito (per gli italiani) associato ad alcune lettere.
 
<TABLE><TR>
<TD align="left" valign="top" width="900" height="18">
* marzo → ''marco''
* Marco → ''Marko''
* gioia → ''ĝoja''
* rischio → ''riskjo''
 
</TD>
<TD align="left" valign="top" width="900" height="18">
* gioviale → ''ĝovjale''
* generale → ''ĝenerale''
* coscia → ''koŝa''
* xenofobia → ''ksenofobia''
 
<TD align="left" valign="top" width="900" height="18">
* manìa → ''mania''
* smània → ''zmanja''
* paura → ''paura''
* sauro → ''saŭro''
</TD>
</TR>
</TABLE>
<br>
 
Facendo riferimento a parole straniere:
 
<TABLE><TR>
<TD align="left" valign="top" width="900" height="18">
* (inglese) when → ''ŭen''
* (inglese) wow! → ''ŭaŭ!''
* (latino) lux → ''luks''
* (spagnolo) Julio → ''Ĥuljo''
 
</TD>
<TD align="left" valign="top" width="900" height="18">
* (polacco) kuchnia →'' kuĥnja''
* (polacco) herbata → ''herbata''
* (francese) jour → ''ĵur''
* (polacco) zima → ''ĵima''
</TD>
</TR>
</TABLE>
 
===Pronuncia: frasi===
Come già detto, l'accento dell'esperanto, tranne ovviamente nei monosillabi, cade '''sempre''' sulla penultima sillaba, che in esperanto corrisponde sempre alla penultima vocale (vedi sopra la differenza tra vocale e semivocale). Siccome alcune parole suonano "strane" all'inizio, per abituarsi ecco delle parole, questa volta in esperanto con la pronuncia in italiano e con gli accenti segnati (ricorda che la ''C'' dell'esperanto si legge come la Z italiana in Lucrezia):
 
<TR>
<TD align="left" valign="top" width="900" height="18">
*lingvo → ''l'''ì'''ngvo''
*internacia → ''internaz'''ì'''a''
*kalkulo → ''calc'''ù'''lo''
*Francio → ''Franz'''ì'''o''
 
</TD>
<TD align="left" valign="top" width="900" height="18">
*sandviĉo → ''sandv'''ì'''cio''
*unua → ''un'''ù'''a''
*neniu → ''nen'''ì'''u''
*stacio → ''staz'''ì'''o''
</TD>
</TR>
</TABLE>
 
==Esercizi==