Differenze tra le versioni di "Antologia ebraica/Tra Dio e Uomo"

m
(Replacing Gottlieb-Jews_Praying_in_the_Synagogue_on_Yom_Kippur.jpg with File:Maurycy_Gottlieb_-_Jews_Praying_in_the_Synagogue_on_Yom_Kippur.jpg (by CommonsDelinker because: File renamed:).)
 
==Come serviremo==
<div style="text-align:center">'''[[w:Ba'al Shem Tov|Israel Baal Shem]]'''
<br/><small>''[[w:Podolia|Podolia]], XVIII secolo''<ref name="RefsBio">Per le relative biografie dei vari autori, antichi e moderni, si rimanda a it.wikipedia con collegamento diretto. Nel caso l'autore non vi appaia, se ne forniscono i particolari in nota.</ref></small></centerdiv>
 
Se non crediamo che Dio rinnovi l'opera della creazione ogni giorno, le nostre preghiere e la nostra osservanza dei comandamenti diventano vecchie e abituali, e tediose. Come è scritto nei salmi: "Non mi respingere nel tempo della vecchiaia" (71:9) — cioè, non lasciare che il mio mondo diventi vecchio.
 
==Dio, il mondo, l'uomo==
<div style="text-align:center">'''[[w:Nachman di Breslov|Nachman di Breslov]]'''
<br/><small>''[[w:Ucraina|Ucraina]], XVIII-XIX secolo''</small></centerdiv>
 
===Il Mondo===
 
==Tra Dio e uomo==
<div style="text-align:center">'''da [[w:Talmud|Talmud]] e [[w:Midrash|Midrash]]'''</centerdiv>
 
===La benedizione===
 
==Il volto dell'uomo==
<div style="text-align:center">'''dallo [[w:Zohar|Zohar]]'''<br/>
<small>''[[w:Spagna|Spagna]], XIII secolo''<ref name="Zohar">Testi in originale, stralci in traduzione e relativi commentari, sono reperibili presso le seguenti fonti: [[w:Giulio Busi|Giulio Busi]] (a cura di), ''Zohar. Il libro dello splendore'', traduzione di Anna Linda Callow, Einaudi, 2008; Arthur Green, ''A Guide to the Zohar'', Stanford University Press, 2004; [[w:Maurice-Ruben Hayoun|Maurice-Ruben Hayoun]], ''Lo Zohar. Alle origini della mistica ebraica'', Jaca Book, 2012; [[w:Moshe Idel|Moshe Idel]], ''Cabala ed erotismo: metafore e pratiche sessuali nella Cabala'', 1986, trad. Tiziana Villani, Mimesis, 1993; [[w:Giuseppe Laras|Giuseppe Laras]], ''La mistica ebraica e il pensiero cabbalistico dello Zohar'', CUEM, 2004; [[w:Elena Loewenthal|Elena Loewenthal]] (a cura di), ''Zohar. Il libro dello splendore. Passi scelti della Qabbalah a cura di [[w:Gershom Scholem|Gershom Scholem]]'', Einaudi, 1998; Matt, D.C., ''Zohar. Un'antologia commentata del massimo testo cabbalistico'', La Giuntina, 2011; [[w:Gershom Scholem|Gershom Scholem]] (a cura di), ''I segreti della creazione. Un capitolo del libro cabbalistico «Zohar»'', Adelphi, 2003; Gershom Scholem, ''Il nome di Dio e la teoria cabbalistica del linguaggio'', Adelphi, 1998; Gershom Scholem ''I segreti della creazione. Un capitolo del libro cabbalistico «Zohar»'', La Giuntina, 2003; Gershom Scholem, ''Major Trends in Jewish Mysticism'', Schocken Books, 1995; Isaiah Tishby, ''Wisdom of the Zohar'', tr. inglese David Goldsterin, 3 voll., Littman Library, 1989 e 1997; Rabbi [[w:Shimon bar Yochai|Shimon bar Yochai]], ''Sefer Ha-Zohar, Idra Rabba Kadusha-Il Libro dello Splendore, la Santa Maggiore Assemblea'', Providence University Inc, ULC-ITALIA, 2006. Si vedano anche i collegamenti: [http://www.kabbalah.info/italykab/open-the-zohar/scarica-lo-zohar.htm "L'Antico Testo"] interamente scaricabile in lingua originale e gratuitamente dal sito del Centro Mondiale di Studi Kabalistici ''Bnei Baruch''; [http://aleph.nli.org.il/nnl/dig/books/bk001073457.html ''Sefer haZohar'', ed. [[w:Mantova|Mantova]] (1558), alla ''National Library of Israel'', DjVu file]; [http://aleph.nli.org.il/nnl/dig/books/bk001103391.html ''Sefer haZohar'', ed. [[w:Cremona|Cremona]] (1559), alla ''National Library of Israel'', DjVu file].</ref></small></centerdiv>
 
"Il timore e il terrore di voi sarà su tutti gli animali della terra, su tutti gli uccelli del cielo, su tutto quello che si muove sulla terra; e su tutti i pesci del mare. Essi sono dati in vostro potere." (Gen. 9:2). D'ora in poi [dopo il Diluvio] ed in tutto il tempo a venire, la vostra forma sarà quella dell'uomo. Ma in principio non avevano la forma dell'uomo.<br/>
 
==Il disegno dell'universo==
<div style="text-align:center">'''[[Guida maimonidea|Mosè Maimonide]]'''
<small>''[[w:Spagna|Spagna]]-[[w:Egitto|Egitto]], XII secolo''
 
DA [[Guida maimonidea/Guida dei Perplessi|''MOREH NEVUKHIM'']]</small></centerdiv>
 
Molto spesso una moltitudine di gente irragionevole afferma, nel proprio intimo, che ci sia più male che bene in questo mondo, cosicché in un gran numero di proverbi e poesie sembra che trovare il bene da qualche parte sia quasi un miracolo, come se il male prevalesse e persistesse. Tale errore non è commesso solo dalle persone irrazionali, ma è comune anche tra coloro che si considerano saggi. Infatti [[w:Rhazes|Al-Razi]],<ref>Abu Bakr Mohammad Ibn Zakariya al-Razi, noto anche col nome di ''al-Razi'', o ''ar-Razi'', o ''Ibn Zakariyya'' e in latino col nome di ''Rhazes'' o ''Rasis'', fu un medico e scienziato pluridisciplinare persiano vissuto nel X secolo.</ref> nel suo famoso libro intitolato ''Sulla Metafisica'', raccolse molte delle sue idee assurde e stolte, tra cui un concetto che si inventò egli stesso, cioè, che esiste più male che bene. Poiché se paragoni il benessere dell'uomo e le sue gioie in tempi di tranquillità, con la somma dei suoi dolori, delle sue amare sofferenze, delle sue debolezze, della distruzione dei suoi organi, della sua irrequietezza, delle sue preoccupazioni e paure, scoprirai che l'esistenza dell'uomo è afflitta da angoscia e molto male. Poi [Al-Razi] si appronta a provare la verità di questa opinione elencando i mali, uno dopo l'altro, in contrapposizione a quello che pensano le persone amanti della verità in merito alla grazia di Dio e alla Sua palese misericordia, ed in merito al fatto che Egli, che sia lodato, è oltre ogni dubbio la bontà perfetta, e che tutto ciò che da Lui proviene è bene perfetto.<br/>
 
==Una porta nella porta==
<div style="text-align:center">'''dallo [[w:Zohar|Zohar]]'''<br/>
<small>''[[w:Spagna|Spagna]], XIII secolo''</small></centerdiv>
 
"E Sara ascoltava all'ingresso della tenda, che era dietro di lui" (Gen. 18:10).<br/>
 
==Pace==
<div style="text-align:center">'''[[w:Talmud babilonese|Perek ha-Shalom]]'''<br/>
<small>''Palestina, I-III secolo''</small></centerdiv>
 
Rabbi Joshua ben Levi disse: Grande è la pace, perché la pace è per la terra quello che il lievito è per l'impasto. Se il Santo, che sia benedetto, non avesse dato la pace al mondo, esso sarebbe spopolato dalla spada e da moltitudini di bestie.<ref>''Perek ha-Shalom'' è un trattato contemporaneo del Talmud che tratta della pace, e viene compreso nel ''[[:en:w:Derekh Eretz Zutta|Derekh Eretz Zutta]]'' come supplemento alle sue nove sezioni. Inserito nel [[w:Talmud babilonese|Talmud babilonese]], ''Numeri Rabbah'' XI, 16-20.</ref>
1 486

contributi