Differenze tra le versioni di "Scienze della Terra per le superiori/La tettonica delle placche"

nessun oggetto della modifica
Il dato era curioso dal momento che il rettile non era considerato un nuotatore in grado di attraversare un oceano, l’unica spiegazione plausibile era che i due continenti fossero un tempo attaccati, il che era anche morfologicamente supportato.
Alfred Wegner, glaciologo, nel 1912, osservando come il ghiaccio galleggia al di sopra delle acque ipotizzò che lo stesso fenomeno avvenisse per le terre emerse. Per lo scienziato i continenti in passato erano tutti uniti in questo “supercontinente” che egli chiamo Pangea (dal greco pan= tutto, geo= terra) ed era separato da un oceano immenso chiamato Panthalassa (dal greco Pan=tutto, thalassa=mare).
 
[[
[[File:Pangea|miniatura]]
]]
I geologi non condivisero questa opinione, in quanto in quel periodo si credeva ad una visione fissista ovvero che la terra avesse l’attuale fisiografia da quando si era formata.
Con lo sviluppo tecnologico negli anni 50 vennero messi a punto i primi magnetometri, tali strumenti permettono di misurare la direzione del campo magnetico che le rocce della crosta terrestre “registrano” al loro interno come tante piccole bussole, al momento della loro formazione.
Utente anonimo