Differenze tra le versioni di "Storia della letteratura italiana/Elio Vittorini"

revisione e ampliamento
(notizie biografiche riprese da https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Elio_Vittorini&oldid=72864491)
 
(revisione e ampliamento)
{{Storia della letteratura italiana|sezione=8}}
 
Elio Vittorini è uno dei protagonisti della cultura italiana del dopoguerra, sia per la sua attività di scrittore e romanziere, sia come intellettuale e organizzatore della cultura. Traduttore dall'inglese, ha contribuito a far conoscere in Italia importanti autori statunitensi. Ha però anche animato il dibattito culturale dirigendo varie riviste e collane editoriali (principalmente per Mondadori e Einaudi).
 
== La vita ==
[[File:ElioVittorini.jpg|thumb|left|Elio Vittorini]]
Elio Vittorini nacquenasce a Siracusa il 23 luglio 1908 da padre di origine bolognese e madre siracusana.<ref>Il{{cita nonnolibro di| Elio, Vincenzoautore=Iole Vittorini, colonnello| di Finanza originario di Bologna, fu inviato dal governo borbonico in Sicilia, dove sposò la siracusana Vincenza Midolo. Cfr. Iole Vittorini, ''titolo=Mio fratello Elio'', | vol=vol. 1, | editore=Ombra editore, | città=Siracusa | anno=1989, | p. =11.}}</ref>. Insieme al fratello Giacomo e, durante gli anni dell'infanzia seguìsegue il padre ferroviere nei suoi spostamenti di lavoro per la Sicilia. Infatti la sorella nacque a Scicli. Ella diceva: "Qui sono le nostre radici e qui voglio chiudere gli occhi per sempre, nello stesso posto dove li aprii". Infatti finì la sua vita a Donnalucata. Dopo la scuola di base, Elio frequentòfrequenta la scuola di ragioneria senza interesse, finché, dopo essere fuggito di casa quattro volte, nel 1924 abbandonòabbandona definitivamente la Sicilia. Si sposa intanto con Rosa Maria Quasimodo, sorella del poeta [[../Salvatore Quasimodo|Salvatore]].
 
LavoròLavora per un certo periodo come contabile in un'impresa di costruzioni in Venezia Giulia e nel 1930 si trasferìtrasferisce a Firenze, dove lavoròtrova impiego come correttore di bozze alla "''Nazione"''. AvevaInizia intanto iniziato a scrivere articoli e pezzi narrativi che inviòinvia a Curzio Malaparte, cheil quale li pubblicòpubblica sulla rivista "''Conquista dello Stato"''. Nel 1927 inviòinvia a ''La Fiera Letteraria'' il suo primo importante scritto narrativo, "''Ritratto di re Gianpiero"'', che gli venneviene pubblicato. Nel 1929 iniziòinizia a collaborare alla rivista ''Solaria'' eed venneè pubblicato sull'''Italia Letteraria'' un suo articolo, ''Scarico di coscienza'', in cui accusavaaccusa la letteratura italiana di provincialismo. Nel 1931, per le edizioni di ''Solaria'' esce il suo primo libro, una raccolta di racconti intitolato ''Piccola borghesia'' che sarà ristampato da Mondadori nel 1953. Tra il 1933 e il 1934 esce a puntate, sempre su ''Solaria'', il romanzo ''Il Garofano Rosso'', che a causa della censura fascista sarà pubblicato in volume solamente nel 1948 da Mondadori.
 
Nel 1931, a causa di una intossicazione da piombo, fuè costretto ad abbandonare il posto di lavoro come correttore di bozze. e daDa quel momento vissevive solamente del ricavato delle sue traduzioni dall'inglese (note quelle di Faulkner, Poe, Lawrence) e dell'attività di consulente editoriale.
 
Nel 1936, quando scoppia il conflitto in Spagna, Vittorini, che stava scrivendo ''Erica e i suoi fratelli'', progetta con l'amico Vasco Pratolini di raggiungere i repubblicani spagnoli, e sulla rivista ''Bargello'' scrive un articolo in cui sprona i fascisti italiani ad appoggiare i repubblicani contro Francisco Franco. Questa presa di posizione gli causa l'espulsione dal Partito Fascista (questa è almeno la versione data dallo stesso Vittorini). L'anno prima (1936)aveva pubblicòpubblicato, presso Parenti, ''Nei Morlacchi. Viaggio in Sardegna'' che aveva vinto il premio indetto dall<nowiki>'</nowiki>''"Infanzia"'' e che sarà poi ristampato da Mondadori, con il titolo ''Sardegna come un'infanzia'', nel 1952. NegliTra anniil che1938 vannoe dal 1938 alil 1939 uscìesce a puntate su ''Letteratura'' il romanzo ''Conversazione in Sicilia'', che sarà pubblicato in volume nel 1941, prima dall'editore Parenti e poi da Bompiani con il suo titolo originale.
 
Da Bompiani ricevette un incarico editoriale e così, nel 1939, si trasferìtrasferisce a Milano dove diressedirige la collana "''La Corona"'' eed fuè curatore dell'antologia di scrittori statunitensi ''Americana''. cheQuest'ultima, sempre a causa della censura fascista, venneè pubblicata solamente nel 1942 e con tutte le note dell'autore soppresse (l'edizione integrale venne pubblicata solamente nel 1968). In questa antologia comparvecompare per la prima volta nella scena culturale e letteraria italiana John Fante.
Lavorò per un certo periodo come contabile in un'impresa di costruzioni in Venezia Giulia e nel 1930 si trasferì a Firenze, dove lavorò come correttore di bozze alla "Nazione". Aveva intanto iniziato a scrivere articoli e pezzi narrativi che inviò a Curzio Malaparte, che li pubblicò sulla rivista "Conquista dello Stato". Nel 1927 inviò a ''La Fiera Letteraria'' il suo primo importante scritto narrativo, "Ritratto di re Gianpiero", che gli venne pubblicato. Nel 1929 iniziò a collaborare alla rivista ''Solaria'' e venne pubblicato sull'''Italia Letteraria'' un suo articolo, ''Scarico di coscienza'', in cui accusava la letteratura italiana di provincialismo.
 
Nel 1942 lo scrittore si avvicinòavvicina al Partito comunistaComunista clandestino e partecipòpartecipa attivamente alla Resistenza. Nel 1945 fuè direttore, per un certo periodo, dell'edizione milanese de ''l'Unità'',. pubblicòPubblica presso Bompiani il romanzo ''Uomini e no'' e fondòfonda la rivista di cultura contemporanea ''Il Politecnico''. Le ricostruzioni postume del suo allontanamento dal fascismo contrastano palesemente con la partecipazione al convegno degli intellettuali nazisti di Weimar, dal 7 all'11 ottobre 1942, promosso dal ministro della propaganda Joseph Goebbels<ref>Bruno Vespa, Italiani Voltagabbana, Mondadori, 2014, p 64</ref>. Nel 1947, quando la rivista "''Il Politecnico"'' terminòtermina le sue pubblicazioniattività, Vittorini pubblicòpubblica, sempre presso Bompiani, il romanzo ''Il Sempione strizza l'occhio al Frejus''. e nelNel 1949 uscìesce ''Le donne di Messina'', che verrà ristampato con notevoli variantivariazioni nel 1964.
Nel 1931, per le edizioni di ''Solaria'' uscì il suo primo libro, una raccolta di racconti intitolato ''Piccola borghesia'' che venne ristampato da Mondadori nel 1953. Tra il 1933 e il 1934 uscì su ''Solaria'' il romanzo ''Il Garofano Rosso'' a puntate, romanzo che a causa della censura fascista venne pubblicato in volume solamente nel 1948 da Mondadori.
 
Nel 1951 Einaudi lo chiamòchiama per dirigere la collana "''I Gettoni"'' e Vittorini condusseconduce il suo incarico facendo scelte molto precise riguardo agli autori da inserire nella collanainserirvi, accogliendo soprattutto le opere di giovani scrittori come [[../Italo Calvino|Calvino]] e [[../Beppe Fenoglio|Fenoglio]], ma rifiutando ''Il Gattopardo'' di [[../Tra realismo e sperimentazione|Tomasi di Lampedusa]]. Nello stesso anno, in un articolo che pubblicavapubblica su ''La Stampa'', ''Le vie degli ex comunisti'', lo scrittore analizzavaanalizza acutamente le cause del distacco suo e di molti altri intellettuali dal Partito Comunista Italiano.
Nel 1931 a causa di una intossicazione da piombo, fu costretto ad abbandonare il posto di lavoro come correttore di bozze e da quel momento visse solamente del ricavato delle sue traduzioni dall'inglese (note quelle di Faulkner, Poe, Lawrence) e dell'attività di consulente editoriale.
 
Negli anni che vanno dal 1952 al 1955 lo scrittore lavoròlavora al romanzo ''Le città del mondo'' che, abbandonato e rimasto incompiuto, verrà pubblicato postumo nel 1969 da Einaudi,. eCompleta completò definitivamenteinoltre ''Erica e i suoi fratelli'', che venneviene pubblicato nel 1956 da Bompiani. Quando scoppiaronoscoppiano i fatti d'Ungheria lo scrittore, profondamente colpito, ne tentòtenta un'elaborazione narrativa in un dramma rimasto inedito. Nel 1957 pubblicòpubblica una raccolta di scritti critici dal titolo ''Diario in pubblico'' e nel 1959 fondòfonda la rivista ''Il Menabò'', edita da Einaudi, che diressedirige insieme a Italo Calvino.
Nel 1936, quando scoppiò il conflitto in Spagna, Vittorini, che stava scrivendo ''Erica e i suoi fratelli'', progettò con l'amico Vasco Pratolini di raggiungere i repubblicani spagnoli, e sulla rivista ''Bargello'' scrisse un articolo in cui spronava i fascisti italiani ad appoggiare i repubblicani contro Francisco Franco; ciò gli causò l'espulsione dal Partito fascista (questa è almeno la versione data dallo stesso Vittorini)<ref>Secondo invece una lettera datata 1970 scritta dal direttore del «Bargello» Gioacchino Contri, «nella seconda metà del '36, Elio fu denunciato alla Questura non per le sue opere sul Bargello ma perché al caffè, con gli amici, parlava a voce alta di ciò che non era permesso e cioè usava un linguaggio libero da antifascista. Fu chiamato e diffidato; fece seguito il Gruppo Rionale (il Partito) che gli fece sapere che rischiava di essere espulso dal Partito. Per tutta risposta Elio consegnò la sua tessera fascista, ossia si autoradiò dal Partito» (tratto da Gian Carlo Ferretti, ''L'editore Vittorini'', Einaudi, pp. 147-148). Del 1937 è un altro articolo scritto per il ''Bargello'' («L'islam e l'universalità», ''Il Bargello'', Anno IX, n° 23, 4 aprile 1937 firmato Ab.[ulfeda]), in cui Vittorini loda la politica di Mussolini verso il mondo islamico: «Il fatto che Mussolini abbia preso in mano la spada dell'Islam ha importanza agitatrice e contiene possibilità di storia. (…) 'Islam' significa 'abbandono a Dio' (…). Significherà abbandono a Mussolini, abbandono di fiducia di tutti gli arabi nelle mani universalizzatrici di Mussolini (Elio Vittorini, ''Letteratura arte società. Articoli e interventi 1926-1937'', Einaudi, 1997 e 2008).</ref>.
 
Iniziò nelNel 1960 adiventa dirigeredirettore ladella collana "''La Medusa"'' per Mondadori e in seguito ladella collana "''Nuovi scrittori stranieri"''. Nello stesso anno scrissescrive un manifesto per protestare contro la guerra e la tortura in Algeria, e si candidòcandida nelle liste radicali del PSI. Nello stesso anno divennediventa presidente del Partito Radicale. Negli ultimi anni della sua vita fuè consulente della casa editrice Einaudi. Tutti gli appunti di riflessione sulla letteratura da lui lasciati furonosono raccolti da Dante Isella in un volume postumo, 1967, intitolato ''Le due tensioni'' (1967).
L'anno prima (1936) pubblicò, presso Parenti, ''Nei Morlacchi. Viaggio in Sardegna'' che aveva vinto il premio indetto dall'"Infanzia" e che sarà poi ristampato da Mondadori, con il titolo ''Sardegna come un'infanzia'', nel 1952. Negli anni che vanno dal 1938 al 1939 uscì a puntate su ''Letteratura'' il romanzo ''Conversazione in Sicilia'' che sarà pubblicato in volume nel 1941, prima dall'editore Parenti e poi da Bompiani con il suo titolo originale.
 
Nel 1963 Vittorini si ammala di cancro allo stomaco e subisce una delicata operazione chirurgica. Malgrado la malattia, riprende a lavorare dirigendo la collana "''Nuovi scrittori stranieri"'' per Mondadori e l'anno dopo la collana "''Nuovo Politecnico"'' per Einaudi. Nell'estate del 1965 il cancro si manifesta ancora in maniera più aggressiva, rendendosi inoperabile. MorìMuore a Milano il 12 febbraio 1966.
Da Bompiani ricevette un incarico editoriale e così, nel 1939, si trasferì a Milano dove diresse la collana "La Corona" e fu curatore dell'antologia di scrittori statunitensi ''Americana'' che, sempre a causa della censura fascista, venne pubblicata solamente nel 1942 e con tutte le note dell'autore soppresse (l'edizione integrale venne pubblicata solamente nel 1968). In questa antologia comparve per la prima volta nella scena culturale e letteraria italiana John Fante.
 
== Gli anni venti e trenta ==
Nel 1942 lo scrittore si avvicinò al Partito comunista clandestino e partecipò attivamente alla Resistenza. Nel 1945 fu direttore, per un certo periodo, dell'edizione milanese de ''l'Unità'', pubblicò presso Bompiani il romanzo ''Uomini e no'' e fondò la rivista di cultura contemporanea ''Il Politecnico''. Le ricostruzioni postume del suo allontanamento dal fascismo contrastano palesemente con la partecipazione al convegno degli intellettuali nazisti di Weimar, dal 7 all'11 ottobre 1942, promosso dal ministro della propaganda Joseph Goebbels<ref>Bruno Vespa, Italiani Voltagabbana, Mondadori, 2014, p 64</ref>. Nel 1947, quando la rivista "Il Politecnico" terminò le sue pubblicazioni, Vittorini pubblicò, sempre presso Bompiani, il romanzo ''Il Sempione strizza l'occhio al Frejus'' e nel 1949 uscì ''Le donne di Messina'' che verrà ristampato con notevoli varianti nel 1964.
Tutta l'attività di Vittorini è caratterizzata dalla fiducia nella capacità della cultura di creare un mondo vitale. Attraverso la cultura crollano le convenzioni borghesi e si afferma la libertà individuale in tutta la sua forza. Negli anni giovanili risente della cultura della ''[[../Vociani|Voce]]'' e del vitalismo tipico del fascismo di sinistra. L'allontanamento dal fascismo lo porta a rivolgere questo vitalismo verso la realtà popolare. A questo si accompagna un nuovo interesse per le proprie origini siciliane e per i miti del mondo contadino.<ref>{{cita libro | Giulio | Ferroni | Profilo storico della letteratura italiana | 2001 | Einaudi | Torino | p=1046 }}</ref>
 
Questo vitalismo è ben osservabile nei racconti giovanili di Vittorini, e in particolare in quelli raccolti nel volume ''Piccola borghesia'' (1931), dove la rappresentazione della piccola borghesia è legata alla ricerca di una libera vitalità. Per questo molti racconti hanno per protagonisti dei bambini o degli adolescenti. Il romanzo ''Garofano rosso'', uscito a puntate su ''Solaria'' nel periodo 1933-1936, mostra l'incontro tra la vitalità adolescenziale e la politica. Agli stessi anni risalgono ''Sardegna come un'infanzia'' (pubblicato in volume nel 1952) e il romanzo ''Erica e i suoi fratelli'' (scritto nel 1936 ma pubblicato nel 1952).
Nel 1951 Einaudi lo chiamò per dirigere la collana "I Gettoni" e Vittorini condusse il suo incarico facendo scelte molto precise riguardo agli autori da inserire nella collana, accogliendo soprattutto le opere di giovani scrittori come [[../Italo Calvino|Calvino]] e [[../Beppe Fenoglio|Fenoglio]], ma rifiutando ''Il Gattopardo'' di [[../Tra realismo e sperimentazione|Tomasi di Lampedusa]]. Nello stesso anno, in un articolo che pubblicava su ''La Stampa'', ''Le vie degli ex comunisti'', lo scrittore analizzava acutamente le cause del distacco suo e di molti altri intellettuali dal Partito Comunista Italiano.
 
L'opera che dà maggiore risalto a Vittorini è però ''Conversazione in Sicilia''. Iniziato nel 1937, il testo viene pubblicato a puntate su ''Letteratura'' tra l'aprile 1938 e l'aprile 1939. Distante dalle forme del realismo seguite nelle sue opere precedenti, Vittorini sembra qui tentare la via di una fusione tra realismo ed emetismo. Il risultato è una nuova forma di narrazione lirica, in cui gli oggetti e le situazioni sono collegati da analogie. Lo stile si caratterizza per le ascensioni liriche e le tonalità musicali; utilizza inoltre modi grammaticali che rimandano al parlato dialettale. Il romanzo segna anche l'interesse dell'autore per il mondo contadino, i suoi miti e i suoi valori. Uscendo dalla grigia realtà della borghesia durante il regime fascista, si cerca una via di liberazione e riscatto nel mondo oscuro e mitico della cultura popolare.<ref>{{cita libro | Giulio | Ferroni | Profilo storico della letteratura italiana | 2001 | Einaudi | Torino | pp=1047-1048 }}</ref>
Negli anni che vanno dal 1952 al 1955 lo scrittore lavorò al romanzo ''Le città del mondo'' che, abbandonato e rimasto incompiuto verrà pubblicato postumo nel 1969 da Einaudi, e completò definitivamente Erica e i suoi fratelli che venne pubblicato nel 1956 da Bompiani. Quando scoppiarono i fatti d'Ungheria lo scrittore, profondamente colpito, ne tentò un'elaborazione narrativa in un dramma rimasto inedito. Nel 1957 pubblicò una raccolta di scritti critici dal titolo ''Diario in pubblico'' e nel 1959 fondò la rivista ''Il Menabò'' edita da Einaudi che diresse insieme a Italo Calvino.
 
== L'attività del dopoguerra ==
Iniziò nel 1960 a dirigere la collana "La Medusa" per Mondadori e in seguito la collana "Nuovi scrittori stranieri". Nello stesso anno scrisse un manifesto per protestare contro la guerra e la tortura in Algeria, e si candidò nelle liste radicali del PSI. Nello stesso anno divenne presidente del Partito Radicale. Negli ultimi anni della sua vita fu consulente della casa editrice Einaudi. Tutti gli appunti di riflessione sulla letteratura da lui lasciati furono raccolti da Dante Isella in un volume postumo, 1967, intitolato ''Le due tensioni''.
La partecipazione alla Resistenza fa sorgere in Vittorini l'esigenza di partecipare più attivamente nella vita civile. ''Il Politecnico'', nato nel 1945, si propone infatti come strumento per diffondere una nuova cultura, capace non solo di consolare l'uomo, ma di proteggerlo dalla sofferenze. La rivista si apre inoltre alle nuove esperienze provenienti dall'estero, uscendo dai limiti della tradizione idealista italiana. Un atteggiamento che però incontrerà le critiche provenienti dal Partito Comunista. Vittorini stesso risponde a queste polemiche difendendo l'idea che la cultura sia una libera ricerca, ma riconoscendo allo stesso tempo la necessità di mantenere un contatto con il popolo.
 
È proprio seguendo una libera ricerca che Vittorini si interessa alle trasformazioni sociali in corso in quegli anni, interrogandosi per esempio sul rapporto tra uomo e fabbrica nelle città moderne. Questo lo porterà però ad allontanarsi dal Partito Comunista e dall'interesse per i valori del mondo contadino. Negli ultimi anni guarda quindi a una cultura di tipo tecnico-scientifico, in grado creare un nuovo rapporto tra l'uomo e gli oggetti.<ref>{{cita libro | Giulio | Ferroni | Profilo storico della letteratura italiana | 2001 | Einaudi | Torino | pp=1046-1047 }}</ref>
Nel 1963 Vittorini si ammala di cancro allo stomaco e subisce una delicata operazione chirurgica. Malgrado la malattia, riprende a lavorare dirigendo la collana "Nuovi scrittori stranieri" per Mondadori e l'anno dopo la collana "Nuovo Politecnico" per Einaudi. Nell'estate del 1965 il cancro si manifesta ancora in maniera più aggressiva, rendendosi inoperabile. Morì a Milano il 12 febbraio 1966.
 
Tra le opere pubblicate nel dopoguerra, ''Uomini e no'' (1945) è direttamente ricollegabile all'esperienza della Resistenza, e presenta elementi provenienti dal cinema e dalla coeva letteratura americana. ''Il Sempione strizza l'occhio al Frejus'' (1947) traspone l'esistenza del proletariato milanese in una dimensione simbolica assoluta. ''Le donne di Messina'' (1947, ripubblicato in una versione rielaborata nel 1948) racconta, con una complessa struttura narrativa, l'esperienza di una comunità utopica composta da sbandati riunitisi in un villaggio. In una nuova edizione del 1964, questa costruzione di una comunità primitiva viene però criticata. Il suo ultimo romanzo, abbandonato e pubblicato postumo nel 1969, si intitola ''Le città del mondo'' ed è legato ancora una volta al mondo popolare siciliano.<ref>{{cita libro | Giulio | Ferroni | Profilo storico della letteratura italiana | 2001 | Einaudi | Torino | pp=1048-1049 }}</ref>
== Altri progetti ==
{{interprogetto|w=Elio Vittorini|q=Elio Vittorini}}
 
== Note ==
{{<references|2}} />
 
[[Categoria:Storia della letteratura italiana|Vittorini]]
{{avanzamento|50100%|2922 agostosettembre 20152017}}