Differenze tra le versioni di "Storia della letteratura italiana/Italo Calvino"

m
Annullate le modifiche di Erikalio (discussione), riportata alla versione precedente di Gian BOT
m
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile Modifica visuale
m (Annullate le modifiche di Erikalio (discussione), riportata alla versione precedente di Gian BOT)
{{storia della letteratura italiana|sezione=8}}
<ref>Marco Polo</ref>Intellettuale di grande impegno politico, civile e culturale, Italo Calvino è stato uno dei narratori italiani più importanti del secondo Novecento. Ha seguito molte delle principali tendenze letterarie a lui coeve, dal [[../Neorealismo|neorealismo]] al [[../Postmoderno|postmoderno]], ma tenendo sempre una certa distanza da esse e svolgendo un proprio personale e coerente percorso di ricerca. Di qui l'impressione contraddittoria che offrono la sua opera e la sua personalità: da un lato una grande varietà di atteggiamenti che riflette il vario succedersi delle poetiche e degli indirizzi culturali nel quarantennio fra il 1945 e il 1985; dall'altro, invece, una sostanziale unità determinata da un atteggiamento ispirato a un razionalismo più metodologico che ideologico, dal gusto dell'ironia, dall'interesse per le scienze e per i tentativi di spiegazione del mondo, nonché, sul piano stilistico, da una scrittura sempre cristallina e a volte, si direbbe, classica.<ref>{{cita libro | cognome=Luperini| nome=Romano | titolo=La scrittura e l'interpretazione | editore=Palumbo Editore | coautori=Pietro Cataldi; Lidia Marchiani; Valentina Tinacci | città=Palermo | anno=2005 | isbn=88-8020-557-9 | p=736 }}</ref>
 
== La vita ==
350

contributi