Differenze tra le versioni di "XML/Introduzione"

ortografia
(ortografia)
Uno [[XML/schemi di dati|schema di dati]] XML permette di scambiare informazioni definendo una struttura standardizzata dei dati. Lo schema serve a definire delle etichette di markup personalizzate dal singolo utilizzatore, nonché gli attributi utili a descrivere i contenuti racchiusi nelle etichette così definite. L'informazione così rappresentata con dati racchiusi fra etichette potrà essere estratta da una specifica applicazione denominata "parser" e tramite l'aggiunta di un foglio di stile XML i dati potranno essere formattati e pubblicati in una pagina web.
 
La potenzialità dell'XML risiede nella combinazione di etichette personalizzate e contenuto all'interno di un particolare documento XML. Lo scopo dell'eXtensible Markup Language (XML) è creare informazioni che contengano anche la descrizione di se stesse. Basato sul SGML, XML è progettato per il commercio elettronico. La definizione dell'XML, stabilita fin dal 1998 dal [[w:World_Wide_Web_Consortium|World Wide Web Consortium]], è meta linguaggio, ovvero un linguaggio che genearagenera linguaggi. XML dovrebbe pian piano sostituire HTML in molti siti web grazie ad alcuni vantaggi. Le differenze princiapliprincipali fra i due linguaggi sono presentate nella seguente tabella.
 
'''Esempio 4: XML vs HTML'''
'''Interazione''': XML può essere usato per accedere ai dati e modificarli in modo interattivo. Questa comunicazione uomo>macchina avviene di solito tramite un browser web (si veda [http://en.wikibooks.org/wiki/XML:_Managing_Data_Exchange/Cocoon Chapter 12]).
 
'''Integrazione''': Tramite l'XML è possibile integrare applicazioni sia omogenee che etoregeneeeterogenee. In questo caso, l'XML viene usato per descrivere i dati, le interfacce e i protocolli. Questa comunicazione macchina-macchina serve a integrare [[w:RDBMS|i database relazionali]] (ad esempio importando ed esportando diversi formati).
 
'''Transazione''': XML permette di gestire le transazioni in applicazioni come i mercati online, la gestione della catena di fornitura, e i sistemi di e-procurement.
 
XML è pensato per migliorare l'efficienza con cui avvengono gli scambi di dati in tanti modi, tra cui:
* '''scrivere una volta e formattare molte volte:''' una volta creato un file XML, i dati al suo interno possono essere presentati con modalità differenti attravesoattraverso l'utilizzo di un XML stylesheet (foglio di stile). Ad esempio, l'informazione contenuta nel file potrà essere presentata in un modo sul web, in un altro per la stampa pensata su supporto cartaceo.
* '''indipendenza da hardware e software:''' I file XML sono file di testo standard, il che significa che possono essere letti su qualunque sistema operativo.
* '''scrivi una volta e scambia molte volte:''' stabilito uno standard XML in un settore produttivo al fine di supportare lo scambio di dati, tutti gli operatori del settore possono liberamente utilizzarlo per lo scambio immediato di informazioni.
 
== Alternative a Netbeans ==
Gli esempi qui riportati utilizzano Netbeans per lo sviluppo di codice XML corretto. Se vi interessa un alternatica'alternativa a Netbeans, consultate la voce [[XML/Exchanger XML Lite come alternativa a NetBean|Exchanger XML Lite come alternativa a NetBeans]].
 
=Implementazione di XML: alcuni case study =
 
==XML all'United Parcel Service (UPS)==
“UPS è un'azienda di servizi il cui successo dipende da scalabilità e velocità,” dice Geoff Chalmers, Project Leader presso il Dipartimento eSolutions di UPS. Nel 2003, UPS ha avuto un reddito annuale di $33.5 miliardi e 357,000 impiegati in tutto il mondo. Il sei per cento del Prodotto Interno Lordo (PIL) degli Stati Uniti per ogni giorno è presente nel sistema UPS.
 
UPS fa un ampio uso della tecnologia. Il dipartimento Sistemi informativi ha 4,000 impiegati. Il sito web dell'azienda ha 166 diverse home page nazionali ed è supportato da 44 applicazioni.
Gli strumenti online di UPS sono sviluppati in modo specifico per essere integrati con le applicazioni dei clienti. Questo rende il compito del cliente più semplice, facile e veloce. UPS ha verificato l'importanza della velocità e della semplicità attraverso “[http://www.ups.com/content/us/en/bussol/offering/technology/automated_shipping/pbm.html CampusShip],” uno dei prodotti di maggiore successo di UPS negli ultimi 10 anni. UPS CampusShip® è un sistema di spedizioni Web-based ospitato da UPS. Attraverso una connessione Internet, gli impiegati possono spedire i propri pacchi e lettere da qualsiasi scrivania, mentre i dirigenti conservano un controllo generale sulle attività di spedizione. UPS CampusShip® permette di rendere possibile simultaneamente l'autonomia di chi spedisce e il controllo dei costi da parte dei quadri dirigenti all'interno dell'organizzazione. Questo prodotto deve il suo successo al fatto che non sono richiesti né l'installazione di software né assistenza ed è inoltre veloce da implementare. XML Online Tools ha reso possibile un'evoluzione di CampusShip® a costi contenuti e in tempi rapidi.
 
UPS è a favore di XML specialmente perché è 'agnostico', ovvero indipendente dalla piattaforma e dal linguaggio utilizzati. Queste caratteristiche rendono XML molto flessibile e potente. È anche sganciato da altri software ([[:w:en:Decoupling#Software Development|Decoupling]]) e scalabile. XML ha consentito a UPS di puntare a un mercato più ampio e di ridurre le interazioni con i clienti, e di conseguenza il costo del servizio clienti. Un'altra caratteristica positiva di XML è la sua retrocompatibilità. L'adozione di XML ha ridotto in modo significativo i costi di manutenzione, implementazione e uso all'interno di UPS.
 
Questi vantaggi hanno però un prezzo. “XML è inefficiente in vari modi” afferma Chalmers. Purtroppo XML occupa più risorse di CPU e di banda rispetto alle altre tecnologie. D'altra parte la larghezza di banda e la CPU costano poco e il loro prezzo scende ogni giorno, dunque si tratta di un problema che sta gradualmente scomparendo.