Differenze tra le versioni di "Algebre booleane e progetto logico dei calcolatori digitali/Circuiti logici e di memoria"

ortografia
(ortografia)
 
# Circuiti di memorizzazione: cioè capaci di ricevere, conservare, restituire i segnali delle informazioni.
# Circuiti operatori: cioè capaci di realizzare le funzioni booleane a partire dai segnali delle [[w:iInformazioneInformazione|nformazioniinformazioni]].
# Circuiti di connessione: cioè capaci di trasferire i segnali.
[[File:Rappresentazione di una informazione digitale.png|right]]
 
Un segnale '''i''', rappresentativo di una informazione '''I''', sarà una grandezza fisica suscettibile di assumere nel tempo due diversi valori determinati dai circuiti emettitori e operatori.<br/>
Si cercano in genere quei dispositivi , legati a grandezze fisiche, capaci di assumere due distinti satistati di eqwuilibrioequilibrio stabile.<br/>
Una generica informazione sarà rappresentata da un insieme di segnali elementari. Nei calcolatori elettronici moderni i segnali rappresentativi delle informazioni, sono generalmente costituiti da tensioni o correnti elettriche.
 
:-Segnali elettrici rappresentativi delle informazioni.<br/>
:::::::'''(t<sub>2</sub>,t<sub>3</sub>),(t<sub>6</sub>,t<sub>7</sub>),(t<sub>4</sub>,t<sub>5</sub>,t<sub>8</sub>),(t<sub>7</sub>),...'''<br/>
 
:::indeterminato negli intervaaliintervalli
 
:::::::'''(t<sub>1</sub>,t<sub>2</sub>),(t<sub>3</sub>,t<sub>4</sub>),(t<sub>5</sub>,t<sub>6</sub>),(t<sub>7</sub>,t<sub>8</sub>),...'''
L'analisi tecnica dell'andamento temporale del segnale, in funzione dei componenti del circuito e nelle condizioni più sfavorevoli, corrispondenti a zone di ambiguità di maggiore larghezza, permette di stabilire gli intervalli temporali entro i quali ha senso esaminare il valore dell'informazione.<br/>
Il succedersi, nel tempo, di questi intervalli, può essere regolare o irregolare. Nel secondo caso, si parla di circuiti asincroni ed è il funzionamento interno di ogni circuito che determina gli intervalli opportuni.<br/>
Più frequentemente sihasi ha una ripetizione regolare nel tempo di tali intervalli (circuiti sincroni) con periodo '''Θ'''. Si può dire che , durante l'intervallo di tempo di un periodo binario, il segnale è atto a rappresentare una informazione binaria elementare. Oggi si superano valori di periodo corrispondenti ai 10 nano-secondi (=!0<sup>-9</sup> sec).
 
Consideriamo adesso una informazione rappresentata da impulsi secondo la convenzione:
:1.1.3 ''Convenzioni della logica''<br/>
La scelta che, nel caso appena visto, ha associato il valore '''1''' alla presenza di impulso, è arbitraria. Distinguiamo una logica (intesa qui in pratica come metodo di
 
[[File:Livelli logici.png|right]]
 
:1.1.4 ''Porte e livelli''<br/>
Ai circuiti che realizzano i vari operatori logici si da il nome di porte. Nella figura si annohanno il simbolo in standard DIN (acronimo di Deutsches Institut fuer Normun) di [[w:Invertitore|complementazione]] e quelli, pure in standard DIN, di '''AND''', '''OR''', '''XOR''', '''NOR''', '''NAND''' a tre ingressi.<br/>
Si dadà il nome di livelli ai successivi stadi determinati dagli operatori elementari, attraverso i quali passa il segnale prima di giungere alla realizzazione del segnale risultante.<br/>
Considerando le funzioni booleane si vede che ad ogni livello si ha un cambiamento di forma (disgiuntiva o congiuntiva).<br/>
[[File:Funzione booleana.png|right]]<br/>
Si hanno 4 livelli e 7 porte:
 
La nozione di livello è molto importante dal punto di vista tecnico, essendo il numero dei livelli pari al numetonumero massimo di porte attraversate successivamente da un segnale fornisce una stima del tempo di propagazione del segnale.<br/>
Notiamo infine che non tutti i segnali devono necessariamente percorrere lo stesso numero di livelli. In una tecnica sincrona è necessario per tenerne conto compensare le differenze con opportuni ritardi.<br/>
Ogni forma booleana elementare richiede, per essere realizzata, almeno due livelli di operatori elementari.