Differenze tra le versioni di "Storia della letteratura italiana/Andrea Zanzotto"

m (ha spostato Andrea Zanzotto/Poetica a Poetica di Andrea Zanzotto)
"La Beltà", che può considerarsi la raccolta centrale nella carriera letteraria di Zanzotto, rappresenta il punto più profondo del suo percorso poetico nella quale il poeta trova il senso assoluto del significante. <br> La scoperta che viene fatta in Beltà è quella dell'origine del senso, un luogo che si pone prima dell'individuo e della [[storia]].<br> Esso viene prefigurato nel linguaggio con il quale gli adulti vezzeggiano i bambini e che imita l'articolazione quasi puramente [[Fonema|fonetica]] della prima verbalità infantile, cioè quello che nel dialetto [[Veneto|veneto]] si chiama ''petèl''.
===La labilità dell'io e del processo storico===
In Beltà Zanzotto utilizza accostamenti fonici e pseudo-[[Etimologia|etimologici]] paradossali, usa [[Sillaba|sillabazioni]] che non hanno connessioni e forme grammaticali inaudite, come quella dell'[[articolo (grammatica)|articolo]], dell'[[interiezione]] o di [[Prefisso (linguistica)|prefissi]] e [[Suffisso|suffissi]].<br> Si tratta però di manifestazioni labili, come labile e balbettante è il principio dell'io quanto il processo storico.
 
==La poesia degli [[Anni 1970|anni Settanta]] ==
===Il ritorno al significato===
32

contributi