Differenze tra le versioni di "Biologia per istituti tecnici/L'apparato circolatorio"

m
Bot: apostrofo dopo l'articolo indeterminativo e modifiche minori
(Removing "Blood_smear.jpg", it has been deleted from Commons by JuTa because: No source since 12 March 2016.)
m (Bot: apostrofo dopo l'articolo indeterminativo e modifiche minori)
Il sangue è il tessuto liquido che fluisce nei vasi sanguigni e trasporta gas e sostanze nutritive in tutto il corpo. Esso è composto da una componete liquida detta
 
'''plasma''' (un’un insieme complesso di acqua, proteine, sostanze nutritive, ormoni e gas) e una parte corpuscolare ('''globuli rossi''', '''bianchi''' e '''piastrine''').
 
==== Plasma ====
 
==== Globuli rossi (eritrociti) ====
Gli '''eritrociti''', o '''globuli rossi''', hanno due funzioni principali: raccogliere l’ ossigeno a livello polmonare e distribuirlo ai tessuti, e prelevare l’anidride carbonica dai tessuti e liberarsene a livello polmonare. I globuli rossi sono gli elementi corpuscolari più abbondanti del sangue. Sono cellule particolari, di <u>piccole</u> dimensioni (devono passare nei capillari), <u>prive di nucleo</u> e sono riempite di '''<u>emoglobina</u>''', una particolare proteina contenete '''ferro''' che trasporta l'ossigeno. Hanno una forma discoidale a "ciambella" (senza il buco). La funzione principale dei globuli rossi è il trasporto dell’ossigeno dai polmoni  verso i tessuti e di una parte dell’anidride carbonica dai tessuti ai polmoni. La quantità dei globuli rossi circolanti è molto importante per la salute, perché determina la quantità di ossigeno che il sangue può trasportare, infatti negli sportivi e nelle popolazioni di alta quota sono presenti in quantità maggiori. Sono circa 5 milioni/mm<sup>3</sup> e vivono circa 4 mesi.
 
Il colore rosso del sangue è causato dal ferro contenuto nell''''emoglobina''', una proteina che serve per il trasporto di gas.  È proprio l'atmo di ferro che si lega all'ossigeno (in prossimità degli alveoli polmonari) e lo rilascia in corrispondenza degli altri tessuti.
 
==== Globuli bianchi (leucociti) ====
 
==== Atri e ventricoli ====
Al suo interno il cuore è diviso verticalmente da una parete (chiamata ''setto'') in due metà che non comunicano tra loro: nella parte destra del cuore (nel disegno si vede a sinistra) scorre il sangue da ossigenare, mentre a sinistra scorre il sangue ossigenato. Perciò nel cuore i due tipi di sangue non si mescolano mai. Ciascuna metà del cuore è poi divisa in un comparto superiore, l’'''atrio''', e in uno inferiore più grande, il '''ventricolo'''. Ogni atrio comunica con il ventricolo sottostante tramite la ''valvola atrio-ventricolare'', che a destra è chiamata ''tricuspide'', perché presenta tre lembi di tessuto, e a sinistra ''bicuspide'', perché ne ha solo due. Queste due valvole impediscono il reflusso e fanno sì che il sangue scorra sempre e soltanto dall’atrio al ventricolo, e non viceversa. Dal cuore partono e al cuore arrivano i vasi sanguigni più grandi di tutto il corpo umano. All’atrio destro arrivano le '''due vene cave, superiore e inferiore''', che portano al cuore il sangue ricco di anidride carbonica raccolto nelle cellule. Dall’ atrio destro il sangue passa al ventricolo destro e da qui esce dal cuore attraverso l’ '''arteria polmonare''', che convoglia il sangue ai polmoni, dove sarà ossigenato. Nella meta di sinistra del cuore scorre invece sangue ossigenato. Dai polmoni infatti il sangue ritorna al cuore attraverso le '''quattro vene polmonari''', che portano il sangue all’ atrio sinistro: da qui il sangue ossigenato passa nel ventricolo sinistro, poi tramite l’ '''arteria aorta''' esce dal cuore ed è distribuito a tutte le cellule. All’ imboccatura dell’ aorta e dell’ arteria polmonare si trovano due valvole (chiamate ''semilunari'') che impediscono al sangue di fluire nei ventricoli. Come tutti i tessuti, anche quelli del cuore hanno bisogno di  nutrimento e sono perciò riforniti di sangue ossigenato mediante le arterie chiamate coronarie.
 
==== Il ciclo cardiaco ====
 
I battiti del cuore (toni cardiaci) sono causati per lo più dalla chiusura delle valvole cardiache:
* 1° tono: chiusura della valvola tricuspide e mitralica. Indica che il sangue è passato dall'atrio al ventricolo.
* 2° tono (un po' più forte del primo): chiusura delle valvole polmonare e aortica. Indica che il sangue è fuoriuscito dal cuore e queste valvole ne impediscono il reflusso.
<gallery>
3 150

contributi