Differenze tra le versioni di "Piemontese/Note di ortografia"

Nessun cambiamento nella dimensione ,  4 anni fa
m
Bot: apostrofo dopo l'articolo indeterminativo
m (Bot: apostrofo dopo l'articolo indeterminativo)
===Regole importanti e ricorrenti===
 
*'''àutr/àut.''': la "r" di ''àutr'' in effetti non si legge. Capita così che ''àut'' ("alto") e ("altro") si pronuncino in modo uguale. Addirittura i femminili ''àutra'' e ''àuta'' spesso si pronunciano nello stesso modo. In ogni caso la "r", che ha un 'origine etimologica, si scrive per distinguere le due differenti parole nello scritto. ''Autër'' esiste, ma è una forma antiquata circoscritta alla poesia o in certe locuzioni comuni (''l'àutër dì'', l'altro giorno; ''d'àutër cant'' d'altro canto).
 
*La '''regola dell'aglio''' (Nòrma dl'aj) serve a distinguere nello scritto il significato del suono [aj]:
*'''òpi/òpio''': ''òpi'' è l'"acero", come quello canadese. ''òpio'' e lo stupefacente estratto di papavero noto come "oppio".
 
* È più giusto '''fòra ëd'''. ''Fòra da'' è solo per indicare un 'uscita fisica. Non si guarda ''fòra da la fnestra'', ma ''fòra dla fnestra''. ''Fòra'' ha la variante ''feura'', altrettanto comune.
 
*La '''regola dell'in- e dell'an-''', stabilita da Camillo Brero, serve a capire come scrivere una varietà di suoni compresa fra l<nowiki>'</nowiki>'''[əŋ]''' e l<nowiki>'</nowiki>'''[aŋ]''' a inizio parola:
3 150

contributi