Algebra 2/Introduzione alla probabilità/La probabilità: differenze tra le versioni

m
<math>P(\overline{E_1})=P(\overline{E_2})=P(\overline{E_3})=P(\overline{E_4})=\tfrac 5 6.</math>
}}
e perPer la regola della probabilità dell’intersezione di eventi indipendenti la probabilità è data dal loro prodotto. Quindi <math>P(\overline A)=\tfrac 5 6\cdot \tfrac 5 6\cdot \tfrac 5 6\cdot \tfrac 5 6=\tfrac{625}{{1\,296}}={0,482}={48,2}\%</math>. La probabilità dell’evento <math>A</math> sarà quindi superiore a <math>{0,5}</math> in quanto <math>P(A)=1-P(\overline A)=1-{0,482}={0,518}={51,8}\%</math> e in un numero considerevole di scommesse il Cavalier de Méré accumulava una fortuna.<br />
 
Consideriamo ora la probabilità dell’evento <math>B</math>, dove valgono considerazioni analoghe. Anche in questo caso conviene calcolare la probabilità dell’evento complementare <math>\overline B</math>. Dato che i casi possibili nel lancio di due dadi sono 36 il caso favorevole all’evento 6 nel primo dado e 6 nel secondo dado è uno soltanto. Se <math>P(B)=\tfrac 1{36} \Rightarrow P(\overline B)=1-P(B)=\tfrac{35}{36}</math>. Dato che i lanci dei due dadi sono 24 e tutti tra loro indipendenti avremo:
848

contributi