Differenze tra le versioni di "Algebra 1/Statistica/Statistica Descrittiva"

 
== Indici di variabilità ==
 
Gli ''indici di variabilità'' vengono calcolati per analizzare in che modo i termini di una distribuzione si concentrano intorno ad un valore medio.
 
{{Algebra1/Definizione| Il ''campo di variazione'' è la differenza fra il valore massimo ed il valore minimo assunti dalla variabile: <math>\text{CVar} = x_{max} - x_{min}</math>. }}
 
Tale indice dà un’informazione molto grossolana perché tiene conto solo del primo e dell’ultimo termine della distribuzione e non tiene conto di tutti i valori intermedi. Si considerino, ad esempio, le seguenti distribuzioni di stature:
 
{| style="border-top:1px solid black; border-bottom:1px solid black;text-align:left; background:white;" align="center" width="70%" border="0" cellspacing="0"
|-
| Gruppo A (statura in cm)
|align="center"| 150
|align="center"| 155
|align="center"| 155
|align="center"| 160
|align="center"| 165
|align="center"| 180
|align="center"| 175
|-
| Gruppo B (statura in cm)
|align="center"| 150
|align="center"| 160
|align="center"| 175
|align="center"| 170
|align="center"| 170
|align="center"| 170
|align="center"| 180
|}
 
Entrambe le distribuzioni hanno lo stesso valore massimo e lo stesso valore minimo e quindi lo stesso campo di variazione, ma mentre nella prima i valori sono concentrati verso il valore minimo nella seconda si concentrano intorno al valore massimo.
 
L’indice non dà quindi alcuna indicazione su quest’ultima informazione. Né può essere utilizzato come indice di variabilità la media degli scarti fra le singole osservazioni e la loro media aritmetica perché tale valore è sempre uguale a zero.
 
=== Scarto medio assoluto ===
848

contributi