Differenze tra le versioni di "Storia della letteratura italiana/Cesare Pavese"

m
Correzione di omonimia verso Canto
m (Bot: correggo wikilink)
m (Correzione di omonimia verso Canto)
Ben diverse le poesie delle due ultime raccolte di Pavese, '' [[Verrà la morte e avrà i tuoi occhi|La terra e la morte]] '' ( i versi che furono composti a [[Roma]] nel [[1945]] e pubblicati nel [[1947]] sulla rivista "Le Tre Venezie") e [[Verrà la morte e avrà i tuoi occhi]] (pubblicati [[postumo|postumi]] insieme ai versi della precedente raccolta dall'[[editore]] [[Giulio Einaudi]] nel [[1951]]) dove il discorso diventa più fluido e il discorso [[poesia lirica|lirico]] si basa su immagini che non hanno più, come in ''Lavorare stanca'', un diretto rapporto con un fatto o un oggetto specifico ma sono da essi scollegati. L'ultima poesia di Pavese si rifà pertanto alla tradizione lirica [[Francesco Petrarca|petrarchesca]] e [[Giacomo Leopardi|leopardiana]] anche se i motivi ripresi, come il legame [[amore]]-[[morte]], si presentano attraverso una nuova prospettiva che è quella del [[mito]].
 
Con le poesie di queste due ultime raccolte avviene pertanto il passaggio da una [[poesia]] intesa come[[ racconto]] ad una poesia intesa come [[Canto (metrica)|canto]] che adotta il [[verso]] breve e si esprime in [[forma|forme]] e [[ritmo|ritmi]] [[melodia|melodici]].
 
==La narrativa==
1

contributo