Differenze tra le versioni di "Forze armate mondiali dal secondo dopoguerra al XXI secolo"

Corretti alcuni errori di battitura e di punteggiatura
m (added Category:Dewey 355 using HotCat)
(Corretti alcuni errori di battitura e di punteggiatura)
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile
Non è inteso invece come libro di storia vera e propria, ovvero delle guerre, conflitti e geopolitica. Sarebbe però irreale scinderle totalmente dall'evoluzione dello strumento militare delle nazioni dato che le influenza direttamente, solo che esso non è l'obiettivo primario di questo libro, incentrato nello studio dell'organico e dei mezzi schierati dalle forze armate nazionali del mondo recente e contemporaneo.
 
Per quello che riguarda la bibliografia, si tratta sopratutto di riviste specializzate, come RID, PD, Aerei e altre ancora. Questo libro a tutti gli effetti è basato largamente su queste fonti giornalistiche, che lo scrivente conosce da molto tempo e ha imparato a rispettare ed apprezzare, anche se non sempre a condividere. Inoltre i libri specializzati sono costosi e non facilmente reperibili. Di fatto, quest'opera è in non piccola misura una 'celebrazione' di queste pubblicazioni periodiche. Per salvare dall'oblio e dall'usura i tanti, interessanti e corposi articoli che contengono e tramandare la conoscenza del 'meglio' di questi lavori. Peccato che le foto e i disegni siano indisponibili per la riutilizzazione, ve ne sarebbero moltissimi di grande interesse, ma è destino che questi vadano mestamente perduti. Lo stesso per enciclopedie dei tempi passati, come Armi da guerra, la migliore e più completa di cui lo scrivente abbia conoscenza, una pubblicazione dallo stile infallibilmente inglese, molto corretta e accurata nelle informazioni, ottimamente tradotta dalla De Agostini e, ultimo ma non per merito, nata in una un'era che rappresentava il culmine della Guerra fredda:, attorno alla metà degli anni '80, quando scenari da 'Day After' non erano affatto irrealistici, anzi. All'epoca non solo vi era il massimo del dispiegamento di armi e arsenali, ma vi erano anche come mai prima d'allora informazioni abbondanti e di grande importanza, che anche quando superate dagli sviluppi successivi, sono di grande interesse foss'anche per la lettura di come 'allora' le cose erano intese. Non raramente adesso accade, specie nelle fonti web meno accurate, che l'origine di tanti programmi militari attualmente ben conosciuti e diffusi, sia poco o nulla riportata, amputando una componente fondamentale per la comprensione della loro genesi. Per quello che riguarda le note, ancora non sono state implementate: ma sia detto chiaramente, quest'opera richiede mesi per essere in qualche modo completata e per modo di dire: in pratica quest'opera è concepita per non essere MAI completata, volendo approfondire la ricerca non finiremmo praticamente mai, e per giunta, qualcuno potrebbe travisare interpretando il titolo come 'F.A mondiali dal 1945 al 2100', cosa che non corrisponde al vero e certo non alle intenzioni: il XIX secolo,sia detto chiaramente, è inteso solo come 'ponte' tra la fine del XX secolo e la redazione di questo libro; inoltre non è la descrizione di come le F.A si presentano adesso che interessa veramente. Quello che è vero oggi potrebbe non esserlo più domani, ma questo libro non è concepito per seguire tutte le F.A. per il XIX secolo; per quello ce ne sarà eventualmente un altro, da far scrivere ai posteri per forza maggiore. Quanto alle note, queste sono inizialmente assenti ma andranno messe. Per facilitare il compito, se lo scrivente non riuscisse ad ultimare la sua opera, praticamente ogni volta che si scrive qualcosa si fornisce poi la fonte d'informazione o quantomeno un link. In questo modo è possibile capire praticamente sempre da dove le informazioni vengono, ed eventualmente notificarle nel testo.
 
----
Utente anonimo