Italiano/Congiuntivo: differenze tra le versioni

→‎I caso: Tolgo punto esclamativo che, a mio parere, non ci va affatto
Nessun oggetto della modifica
(→‎I caso: Tolgo punto esclamativo che, a mio parere, non ci va affatto)
:''Non crederai'' (adesso) ''che venga'' (adesso o nell’immediato futuro)
:''Non credere'' (adesso) ''che venga'' (adesso o nell’immediato futuro)!
 
*Anteriorità, allora si userà il congiuntivo passato:
:''Non credo'' (adesso) ''che sia venuto'' (prima, due ore fa, ieri, una settimana fa ecc.).
:''Non crederai'' (adesso) ''che sia venuto'' (prima, due ore fa, ieri, una settimana fa ecc.).
:''Non credere'' (adesso) ''che sia venuto'' (prima, due ore fa, ieri, una settimana fa ecc.)!
*Posteriorità, allora si userà il congiuntivo presente o l’indicativo futuro (!):
 
*Posteriorità, allora si userà il congiuntivo presente o l’indicativo futuro (!):
:''Non credo'' (adesso) ''che venga'' / ''che verrà'' (più tardi, rispetto all’azione espressa dalla principale).
:''Non crederai'' (adesso) ''che venga'' / ''che verrà'' (più tardi, rispetto all’azione espressa dalla principale)?
18

contributi