Laboratorio di chimica in casa/Come modificare il libro: differenze tra le versioni

Divertimento
Nessun oggetto della modifica
(Divertimento)
Per essere introdotti al funzionamento del progetto si consiglia di leggere [[Aiuto:Benvenuto|la pagina di benvenuto]].</big></center>
 
In questa pagina verrà illustrata la tecnica divulgativa caratteristica di questo libro. Probabilmente non sarà di grande rilevanza per un chimico o per un amante del fai-da-te, ed è bene che questo libro sia inteso come un manuale per appassionati di esperimenti chimici, senza riferimenti a questioni pedagogiche. la tecnica con cui è scritto però è il risultato dell'applicazione alla chimica di un metodo didattico innovativo. Esso mira a essere un mezzo che permette al lettore di imparare secondo le proprie attitudini: la sua passione per la chimica, la sua curiosità, il suo ingegno e la sua creatività.
 
Lo scopo di questo libro è risvegliare lo scienziato che c'è nel lettore e la sua didattica si basa sul nutrire la sua passione per la chimica, permettendo un gradevole sviluppo della sua autonomia e delle sue abilità. Esso mira a essere un mezzo che permette al lettore di imparare secondo le proprie attitudini: la sua passione per la chimica, la sua curiosità, il suo ingegno e la sua creatività, regolandosi autonomamente.
== Scopo e caratteristiche del libro ==
 
== Scopo e linee guida ==
Questo libro è stato iniziato un appassionato di chimica per permettere a tutti gli appassionati di chimica di sfogare la propria passione e creatività con i mezzi che trovano disposizione senza limitazioni, ossia ciò che trovano in casa e nei supermercati. Ma nel cercare le linee guida dello stile ''nuovo'' di questo libro si è chiesto "''Cos'è la passione per la chimica? Perché alcune la provano ed altri, pur studiando tale materia, sono apatici nei suoi confronti? Cosa porta alcune persone dotate a svilupparla ed altre a perderla?''" Di seguito sono riportati alcuni degli elementi su cui si incendia la passione per la chimica:
 
=== Divertimento ===
Fra i tanti motivi che possono spingere una persona a studiare questa materia, quelli che spingono a renderla il proprio hobby è certamente il divertimento! Cristalli, fiamme, distillatori, batterie, composti chimici di colori diversi, nuvole di precipitato e bollicine di gas... La chimica ha una componente estetica molto forte, sia sensoriale (colori, forme, profumi, rumori) che filosofica (saper trasformare una sostanza in un'altra, sapere che il nostro corpo e tutto l'universo sono fatti di atomi e molecole, sapere che la chimica è molto influente sulla vita di tutti i giorni). Assieme alla sua progenitrice alchimia ha da sempre stupito e intrigato, facendo sentire semionnipotenti (o per lo meno "fichi") buona parte dei suoi praticanti.
 
Il gradimento delle esperienze di laboratorio o di teoria della chimica è soggettiva, varia cioè da persona a persona: c'è chi si innamora subito anche di cose semplici come la formazione di un precipitato o dal design di una buretta, c'è chi ama gli esperimenti solo se fanno il botto per cui necessita di tempo per abituarsi agli esperimenti "banali" e c'è chi invece detesta il laboratorio con i suoi odori, i suoi rischi e la sua confusione.
 
Lo scrittore si basa quindi su due princìpi:
* Lasciare al lettore la scelta di ciò di cui occuparsi fra molte possibilità (per questo il libro è diviso in undici capitoli) aiutandolo ad orientarsi nella scelta.
* Partire dal presupposto che "''la chimica è bella''". Per cui basta curare l'estetica del modulo, cercando di renderlo il più completo possibile, per farlo diventare attraente quanto una rivista di torte alla panna e cioccolato.
L'elemento del divertimento<ref>Inteso come sensazione piacevole: divertente, soddisfacente, stimolante, rilassante, stupefacente...</ref>, benché semplice, scontato ed apparentemente poco nobile, è l'elemento fondamentale per accendere una passione. E' il carburante che le permette di venir perpetrata.
 
== Stile ==
{{Quote|La tecnica è fatta di esperienza, che si acquisisce con lo studio dettagliato della teoria ed il raggiungimento della perfezione nella pratica.}}Lo scopo di questo libro è diventare non un semplice "''cookbook'' del chimico amatoriale" (come fosse una sorta di piccolo chimico a base di zucchero e candeggina) ma un vero e proprio ''[[w:Codice Atlantico|Codex Atlanticus]]'' -un manuale di riferimento- del giovane appassionato di chimica.
Questo non è infatti solo un manuale preparativo o ludico. Divertirsi e sperimentare ciò che è curioso sono esercizi indispensabili per favorire l'apprendimento, Perciòperciò questo libro si propone di applicare un metodo didattico basato sull'approfondimento, la pratica e la sperimentazione, facendo leva sulla curiosità e sulla passione per potenziare le abilità di chi si interessa di chimica.
 
Tutti questi elementi risultano tuttavia scarsamente efficaci se non sono inseriti in un percorso di studio (pratico e teorico) valido. Perciò questo libro punta a fornire due elementi indispensabili per chi vuole sviluppare appieno le proprie capacità: una serie di moduli dedicati alla teoria, ed altre pagine che rendono il lettore consapevole di come regolare autonomamente ad ogni aspetto dello studio della chimica (ricerca, sperimentazione, studio della teoria, svolgimento di calcoli stechiometrici...).
 
== Sicurezza ed affidabilità dei contenuti ==
La scrittura di questo libro presenta due punti critici: la sicurezza del lettore, che deve essere messo a conoscenza dei rischi che corre e di come evitarli, e la validità delle informazioni fornite, che dovranno essere provate sperimentalmente nel dettaglio e supportate da fonti ufficiali (libri, enciclopedie, articoli accademici).
 
In questo libro esiste un capitolo formativo<nowiki>}}</nowiki> sulla sizurezza, e nelle pagine
 
== Template ==