Biografie cristologiche/Canoni e pratiche: differenze tra le versioni

nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
 
Il primo documento del Nuovo Testamento, il Vangelo di Matteo, funziona quasi come una ''precis'' della storia di Israele. Aprendosi con la genealogia di "Gesù Cristo figlio di Davide, figlio di Abramo" ([https://www.biblegateway.com/passage/?search=matteo+1%3A1&version=CEI;LND Mt 1:1]), i primi due capitoli offrono sette citazioni dai Profeti che Gesù si dice abbia realizzato. Il più famoso di questi appare in [https://www.biblegateway.com/passage/?search=Matteo+1%3A22-23&version=CEI;LND Matteo 1:22-23]: "Tutto questo avvenne perché si adempisse ciò che era stato detto dal Signore per mezzo del profeta: «Ecco, la vergine concepirà e partorirà un figlio che sarà chiamato Emmanuele, che significa Dio con noi.»"<ref>Com'è che poi non l'hanno chiamato più Emmanuele? Cfr. Hans Huebner, ‘New Testament Interpretation of the Old Testament,’ in Magne Saebo cur., ''Hebrew Bible/Old Testament I.1'', Vandenhoeck & Ruprecht, 1996.</ref> Anche per Giuseppe, marito di Maria, vengono dati nessi col passato di Israele. A differenza del Vangelo di Luca, che identifica Giuseppe quale figlio di Heli ([https://www.biblegateway.com/passage/?search=Lc+3%3A23&version=CEI;LND Lc 3:23]), [https://www.biblegateway.com/passage/?search=Matteo+1%3A16&version=CEI;LND Matteo 1:16] riporta Giacobbe come padre di Giuseppe e quindi connette il padre putativo di Gesù col [[w:Giuseppe (patriarca)|precedente Giuseppe]], figlio di Giacobbe. Quando il Giuseppe del I secolo riceve sogni profetici e porta la famiglia in Egitto per proteggerla, vengono confermate le connessioni col [[w:Giuseppe (patriarca)|primo Giuseppe]]. Matteo pertanto offre un modello per cui la storia di Gesù si rifà sulle storie dell'Antico Testamento.<ref>Hans Huebner, ‘New Testament Interpretation of the Old Testament,’ in Magne Saebo cur., ''Hebrew Bible/Old Testament I.1'', Vandenhoeck & Ruprecht, 1996, ''s.v.'' "Joseph".</ref>
 
Secondo Matteo, Giovanni il Battista, precursore di Gesù, realizza il ruolo di Elia. Gesù dice: "La Legge e tutti i Profeti infatti hanno profetato fino a Giovanni. E se lo volete accettare, egli è quell'Elia che deve venire." ([https://www.biblegateway.com/passage/?search=Matteo+11%3A13-14&version=CEI;LND Mt 11:13-14]). Il Vangelo di Marco si apre con Giovanni il Battista, che qui assume proprio il ruolo di Elia. Non solo Giovanni annuncia l'arrivo dell'era messianica — quando afferma: "La scure è già posta alla radice degli alberi" ([https://www.biblegateway.com/passage/?search=Matteo+3%3A10&version=CEI;LND Mt 3:10]); egli annuncia anche l'arrivo di "uno che è più forte di me" ([https://www.biblegateway.com/passage/?search=marco+1%3A7&version=CEI;LND Mc 1:7]). In [https://www.biblegateway.com/passage/?search=marco+9%3A13&version=CEI;LND Marco 9], Gesù enigmaticamente identifica Giovanni il Battista con Elia: "Io vi dico che Elia è venuto e gli hanno fatto tutto quello che hanno voluto".<ref name="Jill3">Amy-Jill Levine, ‘‘Matthew, Mark, and Luke: Good News or Bad?’’ in Paula Fredriksen & Adele Reinhartz (curr.), ''Jesus, Judaism, and Christian Anti-Judaism. Reading the New Testament after the Holocaust'', Westminster John Knox Press, 2002, pp. 77-98.</ref>
 
Il Vangelo di Luca offre un ulteriore modo di dimostrare che il messaggio cristiano realizza le promesse fatte a Israele. Questo Vangelo inizia non con l'annunciazione a Maria da parte dell'angelo Gabriele, bensì con il concepimento miracoloso di Giovanni il Battista da parte di Elisabetta, sposa di Zaccaria ([https://www.biblegateway.com/passage/?search=luca+1&version=CEI;LND Lc 1]). La storia si rifà alle innumerevoli nascite speciali di personaggi biblici, iniziando con la nascita di [[w:Isacco|Isacco]] da parte della moglie sterile di Abramo, Sara ([https://www.biblegateway.com/passage/?search=Genesi+18%3B+21&version=CEI;LND Genesi 18; 21]). Genesi riporta che lo stesso Isacco in seguito supplicasse "il Signore per sua moglie, perché essa era sterile e il Signore lo esaudì, così che sua moglie Rebecca divenne incinta" ([https://www.biblegateway.com/passage/?search=Genesi+25%3A21&version=CEI;LND 25:21]). La sterile Rachele prega suo marito Giacobbe: "Dammi dei figli, se no io muoio!" ([https://www.biblegateway.com/passage/?search=Genesi+30%3A1&version=CEI;LND Genesi 30:1]); ironicamente, muore partorendo [[w:Beniamino (Bibbia)|Beniamino]]. ([https://www.biblegateway.com/passage/?search=Genesi+35%3A16-19&version=CEI;LND 35:16-19]).
 
==Interpretazioni differenti==
13 119

contributi