Differenze tra le versioni di "Storia della letteratura italiana/Tra realismo e sperimentazione"

m
(prima stesura)
 
Meritano di essere citati anche due autori siciliani, che nell'isola hanno ambientato i loro romanzi: [[w:Giuseppe Bonaviri|Giuseppe Bonaviri]] (Mineo, 11 luglio 1924 – Frosinone, 21 marzo 2009) e [[w:Angelo Fiore|Angelo Fiore]] (Palermo, 1908 – Palermo, dicembre 1986). Il primo, di professione medico, attinge per le sue opere all'antica tradizione orale, cercando una comunicazione con gli strati più profondi della realtà siciliana. Fiore invece pone l'attenzione sulla meschinità della condizione umana, mettendo in scena personaggi i cui rapporti sono vuoti e perversi.<ref name="Ferroni1084" />
 
Si possono poi ricordare altri autori di questo periodo, come [[w:Giovanni Arpino|Giovanni Arpino]] (Pola, 27 gennaio 1927 – Torino, 10 dicembre 1987), [[w:Pier Antonio Quarantotti Gambini|Pier Antonio Quarantotti Gambini]] (Pisino, 23 febbraio 1910 – Venezia, 22 aprile 1965), [[w:Antonio Delfini|Antonio Delfini]] (Modena, 10 giugno 1907 – Modena, 23 febbraio 1963), [[w:Antonio Pizzuto|Antonio Pizzuto]] (Palermo, 14 maggio 1893 – Roma, 23 novembre 1976), [[w:Eugenio Corti|Eugenio Corti]] (Besana in Brianza, 21 gennaio 1921 – Besana in Brianza, 4 febbraio 2014), [[w:Raffaele Brignetti|Raffaello Brignetti]] (Isola del Giglio, 21 settembre 1921 – Roma, 7 febbraio 1978).
 
== La critica letteraria ==