Differenze tra le versioni di "Le religioni della Mesopotamia/La letteratura religiosa in Mesopotamia/Lamentazione sulla distruzione di Ur"

nessun oggetto della modifica
Seguono i nomi delle divinità An, Enlil, Enki e Ninḫursaĝa/Ninmaḫ, Nintur, Utu, che hanno abbandonato i loro santuari (le loro case) nelle città sumere.
 
* II canto (40-75). Qui l'invito a elevare un lamento per la città di Ur (Urim, in sumerico) e quindi anche per le città di Nippur (Nibru in sumerico), Lagaš, Isin, Eridu, Uruk (Unug in sumerico).
 
* III canto (76-136). La dea Ningal (dea dei canneti, madre del dio Utu, il dio Sole, e della dea Inanna, quest'ultima la dea dell'amore) si rivolge al suo sposo, il dio Nanna (dio Luna, legato alla generazione) in lacrime (''er<sub>2</sub>''; cuneiforme: [[File:Er (cuneiforme).JPG|30px]]) per lo stato della città in cui questa coppia di dèi "abita", Ur, del suo destino inevitabile. Al verso 88 interviene in prima persona Inanna che avvia un grido di angoscia, un pianto (''i-si-iš''; cuneiforme: [[File:Isiš (cuneiforme).JPG|70px]]) per la distruzione della città che giunge, con brevi interruzioni, fino al VII canto.
4 810

contributi